POF 2012 13

Views:
 
Category: Education
     
 

Presentation Description

No description available.

Comments

Presentation Transcript

PowerPoint Presentation:

Noi cittadini del Mondo... alla scoperta di nuovi orizzonti di significato! II° Circolo Didattico di Ciampino Dirigente Scolastico Prof. Carlo Magnelli Silvestre Vicaria Ins. Di Santo Ines Maria A. S 2012/2013.

La Bussola del nostro Successo Formativo! :

La Bussola del nostro Successo Formativo! Formazione della persona e centralità dell’alunno Comunicazione e Interazione Flessibilità Monitoraggio continuo dei processi attivati Qualità Verifica e valutazione Miglioramento continuo e diffusione delle buone pratiche

Piano dell’Offerta Formativa:

Piano dell’Offerta Formativa Presentazione del Circolo Organizzazione del Circolo:i plessi Risorse Umane e Organi Collegiali Carta dei Servizi Regolamento d’Istituto Il Progetto della Scuola Offerta formativa Laboratori Autovalutazione Sicurezza a Scuola

Organizzazione del Circolo: i plessi:

Organizzazione del Circolo: i plessi M.L.King Direzione Didattica Scuola dell’Infanzia Scuola primaria T. Rossi Scuola dell’Infanzia Scuola primaria A.Sabin Scuola dell’Infanzia Scuola Primaria P.Sarro Scuola dell’Infanzia Scuola Primaria

Risorse umane e organi collegiali:

Risorse umane e organi collegiali Gli Organi Collegiali sono stati istituiti per realizzare la partecipazione di tutta la comunità sociale e civica alla gestione della scuola, come stancito dal D.Lvo.297/94. Il DIRIGENTE SCOLASTICO (D.L. n.59/98). Attribuzioni: • la legale rappresentanza scolastica; • la titolarità delle relazioni sindacali interne; • la gestione unitaria ed il funzionamento generale dell’istituzione scolastica; • l’esercizio di poteri di direzione, coordinamento e valorizzazione delle risorse umane nel rispetto delle competenze degli Organi Collegiali; • il potere di adottare provvedimenti amministrativi; • il compito di predisporre gli strumenti attuativi del P.O.F. • il compito di attivare i necessari rapporti con gli Enti Locali e con le diverse realtà del territorio; • l’attuazione alle delibere legittime degli Organi Collegiali Consiglio di Circolo Giunta esecutiva Dirigente Scolastico D.S.G.A. Staff di Direzione Collaboratori D.S. Uffici di Segreteria Collab.Scolastici R.S.U. Collegio Docenti Funzioni Strumentali Commissioni Referenti di Progetto Referenti di Laboratorio Consigli di Interclasse Consigli di Intersezione Consigli di Classe

I docenti (D. Lvo. 297/94):

I docenti (D. Lvo. 297/94) I Docenti sono responsabili dell’attività educativa e didattica della classe o delle classi affidate: Programmano l’azione educativa e didattica e, tenendo conto dei livelli di partenza, dei bisogni e degli interessi degli alunni, individuano i percorsi più idonei al conseguimento del successo formativo; Collaborano con la famiglia nella realizzazione del progetto formativo, riconoscendo che la scuola, nell’esercizio della propria responsabilità e nel quadro della propria autonomia progettuale, non esaurisce tutte le funzioni educative; Si impegnano a costruire un clima sociale positivo nella vita quotidiana della classe e a garantire l’unitarietà dell’insegnamento; Comunicano ai genitori la propria offerta formativa e motivano il proprio intervento didattico; Esplicitano nella programmazione didattica le strategie scelte per raggiungere gli obiettivi prefissati , indicano gli strumenti per le verifiche e i criteri per la valutazione; Contribuiscono alla realizzazione dei compiti istituzionali e al miglioramento della qualità dell’istruzione anche attraverso la formazione in servizio; Si impegnano alla riservatezza, assumendo un atteggiamento discreto nei confronti delle informazioni sulla famiglia e sugli alunni e le comunicano solo se sono utili al loro lavoro educativo. Le insegnanti non sono abilitate a somministrare farmaci, ma possono solo effettuare interventi di primo soccorso. In caso di infortuni che comportino suture, ingessature ed altro, per riprendere la frequenza scolastica, è richiesto un certificato medico, in cui sia precisato che l’infortunio non pregiudica la frequenza stessa.

Finalità della scuola dell’infanzia e del 1°Ciclo d’Istruzione Formazione integrale della Persona intesa come essere unico ed irripetibile promuovendo Il consolidamento dell’identità La conquista dell’autonomia Lo sviluppo delle Competenze Chiave Europee Al fine di esercitare la Cittadinanza Attiva:

Finalità della scuola dell’infanzia e del 1°Ciclo d’Istruzione Formazione integrale della Persona intesa come essere unico ed irripetibile promuovendo Il consolidamento dell’identità La conquista dell’autonomia Lo sviluppo delle Competenze Chiave Europee Al fine di esercitare la Cittadinanza Attiva

Il Progetto della Scuola:

Il Progetto della Scuola Nella odierna società complessa,definita “Liquida”, in continua espansione nella quale le informazioni sono oggetto di repentino cambiamento, l’attività progettuale posta in essere nella nostra Scuola favorisce il “Sapere Reticolare” inteso come integrazione dei vari campi di esperienza,di conoscenze e di abilità al fine di raggiungere l’acquisizione di Competenze Chiave definite dal Parlamento Europeo e dal Consiglio dell’Unione 18 Dicembre 2006. L’obiettivo è STIMOLARE la crescita degli alunni sul versante del “sapere”, del “saper fare” e del “saper essere”, privilegiando una didattica di ricostruzione del “sapere” che garantisca l’acquisizione di Competenze necessarie a codificare e decodificare la realtà per fondare la propria formazione futura sulla Cittadinanza Attiva.

Finalità e Metodologie:

Finalità e Metodologie La scuola si pone come luogo di: Crescita della persona con la propria identità personale e culturale. Promozione di un percorso di insegnamento/apprendimento che favorisca e sviluppi , attraverso l’attivazione della motivazione e dell’interesse, atteggiamenti di analisi, problematizzazione ed interpretazione della realtà. Nei processi di insegnamento/apprendimento viene perseguita una doppia linea formativa : Verticale, che garantisca il Long Life Learning Orizzontale, che promuove la collaborazione con le famiglie e gli stakeholders presenti sul territorio .

Offerta Formativa:

Offerta Formativa L’Offerta Formativa è l’insieme delle scelte educative e didattiche che la scuola effettua per rispondere, nel rispetto dei bisogni degli alunni, ai compiti istituzionali di istruzione , educazione , formazione. Tali scelte vengono esplicitate all’interno del Piano dell’Offerta Formativa, che costituisce la Carta d’Identità del nostro Circolo Didattico e ne esplicita le modalità di azione pedagocica, organizzative e di utilizzazione delle risorse. Il POF viene aggiornato ogni anno, approvato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio di Circolo e pubblicizzato all’utenza, mediante affissione all’albo dei plessi e sul sito della scuola:www.2circolociampino.it. Una copia di esso è depositato presso la Direzione Didattica. Si articola in Curricolo Obbligatorio, definito a livello nazionale delle Indicazioni Nazionali (4 Settembre 1012) e Offerta Formativa(20%) L’Offerta Formativa si arricchisce di progetti specifici che riguardano temi trasversali ed interessano tutte le classi della scuola dell’Infanzia e Primaria. Tali Progetti sono allegati al presente P.O.F., depositati agli atti della scuola e costituiscono parte integrante dello stesso .

Offerta Formativa scuola dell’Infanzia Finalità:

Offerta Formativa scuola dell’Infanzia Finalità CONSOLIDAMENTO DELL’IDENTITA’ SVILUPPO DELLE COMPETENZE CONQUISTA DELL’AUTONOMIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO UNITA’ DI APPRENDIMENTO CAMPI DI ESPERIENZA IL SE’ E L’ALTRO LINGUAGGI, CREATIVITA’ ED ESPRESSIONI IL CORPO E IL MOVIMENTO LA CONOSCENZA DEL MONDO I DISCORSI E LE PAROLE

Unità di Apprendimento :

Unità di Apprendimento QUATTRO PASSI NEL SPAZIO PERCORSO DIDATTICO: Ciao ci sono anch’io. (Accoglienza) Ne combino di tutti i colori Giochi di forme Il rock delle dimensioni e delle relazioni Alla scoperta della città LO SCRIGNO DEL TEMPO PERCORSO DIDATTICO: Tracce di me nel tempo Sono fatto così … Mi conosco e mi trasformo Un posto speciale (la famiglia) Una giornata da … assaggiare (alimentazione) I tesori della natura (stagioni) Paese che vai usanze che trovi (feste ed interculturalità) Linguaggi per tutti i gusti

Unità di Apprendimento:

Unità di Apprendimento STRATEGIA DI INTERVENTO Predisposizione della scuola come luogo accogliente e motivante Insegnamento operativo, laboratoriale ed interattivo Cura intesa come attenzione ai bisogni primari di protezione, sicurezza, di relazione dei bambini. Ricerca – azione Circe time ATTIVITA’ Ludiche Motorie Manipolative Grafico-pittorico-plastiche Musicali Drammatizzazione Espressivo-comunicative

Curricolo Obbligatorio Primaria:

Curricolo Obbligatorio Primaria Definizione dei Curricoli Disciplinari visto e considerato L.53/03 D.P.R.275/99:Autonomia didattica (art.4) Il curricolo nell’autonomia Capo III art 8,9,10,119. Curricolo obbligatorio che fissa i Livelli Essenziali delle Prestazioni( 80%) Offerta Formativa(20%) Competenze Chiave Definite dal Parlamento Europeo e dal Consiglio dell’Unione 18 Dicembre 2006 Competenze Trasversali (livello generale ) Comunicare nella madrelingua Comunicare in Lingua straniera Competenza matematica e di base in scienza e tecnologia Competenza Digitale Imparare ad imparare Competenze sociali e civiche Spirito di iniziativa ed imprenditorialità Consapevolezza ed espressione culturale. Traguardi di Competenze da sviluppare nell’alunno al termine della classe …. “ sono prescrittivi impegnano le Istituzioni Scolastiche affinché ogni alunno possa conseguirli e garantiscono l’unitarietà del Sistema Scolastico Nazionale” Indicazioni Nazionali 4 Sett.2012 Obiettivi di apprendimento/valutazione Concordati collegialmente (II Circ.) A norma dell’art.8, com. 2 e 4 del.D.P.R 275/99 “individuano campi del sapere conoscenze e abilità ritenuti indispensabili al fine di raggiungere i traguardi per lo sviluppo delle competenze” Criteri per la valutazione degli alunni nel Primo Ciclo di Istruzione D.P.R.122/09 Il processo di acquisizione delle competenze è sia a livello discendente(Europa/Italia/II° Circolo) che ascendente(II° Circolo/Italia/Europa) secondo una logica ciclica.

Ampliamento dell’Offerta formativa Le tematiche progettuali dell’Offerta formativa sono state raggruppate in quattro ambiti progettuali: :

Ampliamento dell’Offerta formativa Le tematiche progettuali dell’Offerta formativa sono state raggruppate in quattro ambiti progettuali: AMBITI OBIETTIVI GENERALI CONTINUITA’ Creare percorsi didattici tra le classi ponte dei tre segmenti di scuola: Infanzia – Primaria –Secondaria di Primo Grado ACCOGLIENZA Rivolto ai genitori dei bambini nuovi iscritti, volto a favorire un sereno e fiducioso inserimento degli alunni nella scuola dell’infanzia, assicurando attenzione informazione e organizzazione all’utenza INFORMATICA E MULTIMEDIALITA’ Progetto “MIGLIORARE LA DIDATTICA” ogni plesso sarà connesso in rete con il supporto WLAN. Pubblicazione dei lavori didattici nel sito della scuola VALUTAZIONE INTERNA ALL’ATTUAZIONE DEL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA Monitorare le progettualità curricolari e laboratoriali del POF

Aree dei Progetti Nella nostra scuola sono attivati Progetti Interni ed Esterni con la collaborazione di Enti Associazioni culturali presenti sul territorio per l’Ampliamento dell’Offerta formativa :

Aree dei Progetti Nella nostra scuola sono attivati Progetti Interni ed Esterni con la collaborazione di Enti Associazioni culturali presenti sul territorio per l ’ Ampliamento dell ’ Offerta formativa Cittadinanza e Democrazia Lingua Inglese Sport Teatro Alimentazione Natura Ambiente Musica Scacchi

In una Società Complessa che dilata ed espande le informazioni… l’attività progettuale tende a favorire processi di “orientamento” rispetto la complessità dell’esistente, mediante lo sviluppo delle capacità individuali di apprendimento e di riflessione critica.. Nell’elaborare i vari progetti sono inoltre state operate scelte di interpretazione delle esigenze e di lettura dei bisogni impliciti ed espliciti espressi dall’utenza. L’obiettivo e quello di salvaguardare le finalità istituzionali della scuola e di offrire contestualmente un arricchimento delle conoscenze, delle competenze e delle abilità. Le attività progettuali rispondono alle finalità individuate e comportano processi di: ottimizzazione delle risorse interne ed esterne umane e professionali, economiche e strutturali; flessibilità organizzativa e didattica; modulazione dell’insegnamento; integrazione degli interventi; rapporti con il territorio; collaborazione con Enti, Associazioni, Organismi di ricerca ecc. :

In una Societ à Complessa che dilata ed espande le informazioni … l ’ attivit à progettuale tende a favorire processi di “ orientamento ” rispetto la complessit à dell ’ esistente, mediante lo sviluppo delle capacit à individuali di apprendimento e di riflessione critica.. Nell ’ elaborare i vari progetti sono inoltre state operate scelte di interpretazione delle esigenze e di lettura dei bisogni impliciti ed espliciti espressi dall ’ utenza. L ’ obiettivo e quello di salvaguardare le finalit à istituzionali della scuola e di offrire contestualmente un arricchimento delle conoscenze, delle competenze e delle abilit à . Le attivit à progettuali rispondono alle finalit à individuate e comportano processi di: ottimizzazione delle risorse interne ed esterne umane e professionali, economiche e strutturali; flessibilit à organizzativa e didattica; modulazione dell ’ insegnamento; integrazione degli interventi; rapporti con il territorio; collaborazione con Enti, Associazioni, Organismi di ricerca ecc.

Progetti Interni Delibera del Collegio Docenti del 11/10/2012 Delibera del Consiglio di Circolo del 29/10/2012:

Le competenze professionali del corpo docente sono valorizzate e potenziate dall’elaborazione di percorsi adeguati di formazione e apprendimenti organizzativi (ricerca-azione). Ogni insegnante opererà all’interno di progetti condivisi arricchendo i curricoli, differenziando i percorsi. Per INNOVARE contenuti e metodologie di apprendimento/insegnamento con particolare utilizzo delle nuove tecnologie. Per PIANIFICARE i propri interventi in modo integrato rispetto al territorio in collaborazione con Enti, Associazioni Culturali, sportive, ricreative …, mettendo a punto strumenti come accordi di programma, convenzioni, protocolli d’intesa, consorzi, ecc.. Accoglienza”A scuola per… Conoscerci” “Baobab il Giornalino Scolastico” Sicurezza “Sapere i Sapori” Laboratorio delle emozioni Sportello D’Ascolto Progetto “Comenius” Progetto “Sito Web” Progetti Interni Delibera del Collegio Docenti del 11/10/2012 Delibera del Consiglio di Circolo del 29/10/2012

PLURALITA’ DEI LINGUAGGI Nell’Attività di Insegnamento / Apprendimento sono favoriti e potenziati i vari codici comunicativi/espressivi. (Musica – Sport – Teatro – Laboratori - L2 – Iniziative del territorio – Lettura – Intercultura.) :

Scuola dell’Infanzia Accoglienza Continuità Giornalino Laboratorio delle Emozioni Scuola Primaria Continuità Progetti Interni Progetti Esterni Laboratori PLURALITA’ DEI LINGUAGGI Nell’Attività di Insegnamento / Apprendimento sono favoriti e potenziati i vari codici comunicativi/espressivi. (Musica – Sport – Teatro – Laboratori - L2 – Iniziative del territorio – Lettura – Intercultura.)

Laboratori Attivati:

Laboratori Attivati Diffusione cultura della protezione civile Linguistico-espressivi Musicali Lingua2 Scientifico Il corpo in movimento Artistico-Creativo Recupero e potenziamento M ultimediale

Progetti Europei:

Progetti Europei PROGETTO COMENIUS Ins. Referente Stefania Quattrocchi Dal 1996, con l’introduzione del concetto di Llife Long Learning nel Libro Bianco di Edith Cresson, l’Unione Europea inizia a prevedere programmi comunitari e documenti con lo scopo di affermare il ruolo centrale dell’apprendimento nella societa’ della conoscenza, per ridurre le discriminazioni, per riconoscere le specificita’ nazionali e il valore dell’Europa. E l’apprendimento ha assunto i connotati del lifelong learning, cioe’ dell’apprendimento durante tutto l’arco della vita. L'obiettivo è quello di incrementare la dimensione europea dell’istruzione e promuovere la cooperazione transnazionale tra istituti scolastici in Europa.

I Partenariati Comenius:

I Partenariati Comenius Offrono alle autorità regionali o locali, competenti in ambito educativo, agli istituti scolastici, ai docenti e agli alunni la possibilità di lavorare insieme ai colleghi e ai coetanei degli altri Paesi d'Europa partecipanti al Programma su uno o più temi di comune interesse nell’ambito della normale attività scolastica. Partecipare ad un partenariato con scuole di diversi paesi offre l’opportunità ad alunni ed insegnanti non solo di acquisire e migliorare le proprie conoscenze dell’argomento o della disciplina su cui si basa il partenariato, ma anche di accrescere la propria capacità di lavorare in gruppo, di programmare, di intraprendere attività in collaborazione, di utilizzare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, di migliorare la capacità di comunicare in altre lingue accrescendo la motivazione all’ apprendimento delle lingue straniere.

Scheda riepilogativa dei Progetti Esterni A.S. 2012/2013 delibera del Collegio docenti del 5 ottobre 2012 Delibera del Consiglio di Circolo del 29 Ottobre 2012 (spesa massima annua per alunno 60 Euro) :

Scheda riepilogativa dei Progetti Esterni A.S. 2012/2013 delibera del Collegio docenti del 5 ottobre 2012 Delibera del Consiglio di Circolo del 29 Ottobre 2012 (spesa massima annua per alunno 60 Euro) 1)Playing with English Scuola dell’Infanzia (M.L.King) Ottobre/ Maggio Gratuito (Contributo per materiale) 2)Progetto Prevenzione Pediculosi Scuola Primaria 2012/2013 Gratuito 3) Arte-Terapia Scuola Primaria 1 incontro Marzo-Aprile-Maggio Gratuito 4)Cura l’orto che cura Scuola Primaria 2 incontri Marzo-Aprile-Maggio Gratuito 5)Frutta nelle scuole Scuola Primaria 2012/2013 Gratuito 6) Nuova basket Ciampino Scuola Primaria 2012/2013 Gratuito

Scheda riepilogativa dei progetti esterni A.S. 2012/2013:

Scheda riepilogativa dei progetti esterni A.S. 2012/2013 7)”Impariamo il calcio a scuola” Polis. Ciampino Scuola Primaria Gennaio -Maggio Gratuito 8) Artisti con la colla Scuola dell’Infanzia e Primaria 2012/2013 Gratuito 9)Pollicino verde Scuola Primaria 2012/2013 Gratuito 10)”Tondo come il mondo” Classi III, IV e V 2012/2013 Gratuito 11)”Sport a Scuola”Ass. Tempo Volley Scuola Primaria 2012/2013 Gratuito 12)”Svitati per l’ambiente Scuola Primaria 2012/2013 Gratuito

Scheda riepilogativa dei progetti esterni A.S. 2012/2013:

Scheda riepilogativa dei progetti esterni A.S. 2012/2013 13)NTV- Esperienza Italo Scuola Primaria 2012/2013 Gratuito 14) Educazione alla Cultura della Democrazia e della Cittadinanza Scuola Primaria 2012/2013 Gratuito 15) Radio Fiaba Scuola dell’Infanzia e Primaria 2012/2013 Gratuito 16)Musica in Canto ”Rigoletto” Classe III A Sabin 2012/2013 20 h/ 15 Euro/Alunno 17) “La musica dei bambini grandi” Scuola dell’Infanzia 15 incontri 4 Euro/Alunno/Mese 18)”Tutti in scena” (Diritti e rovesci) Scuola Primaria Novembre-Maggio 9 Euro/Alunno/Mese

Scheda riepilogativa dei progetti esterni A.S. 2012/2013:

Scheda riepilogativa dei progetti esterni A.S. 2012/2013 19)Tiritera (Diritti e Rovesci) Scuola dell’Infanzia incontri da 50 minuti/ Sett. 9 Euro Alunno/Mese 20) “Un due tre Musical” Lab. Teatrale Scuola Primaria Novembre/Maggio 6 Euro Alunno/Mese 21)Propedeutica Musicale Scuola dell’Infanzia e Primaria Ottobre/ Giugno 10 Euro Alunno/Mese 22)Propedeutica attività sportive di base Scuola dell’Infanzia e Primaria Ottobre/ Maggio Euro Alunno/Mese 23)”Arte in verde” Scuola dell’Infanzia e Primaria 2 incontri H 9/11.30 6 Euro Alunno/Mese 24)” Archeogeos” Proetti di Archeologia Scuola Primaria Vari 10-20 Euro/Alunno Spese di trasporto

Scheda riepilogativa dei progetti esterni A.S. 2012/2013:

Scheda riepilogativa dei progetti esterni A.S. 2012/2013 25) “Streets Baller” Giochi Sportivi Scuola Primaria Ottobre/Maggio 30 Euro Alunno/Anno 26)A scuola con L’archeologo Classi III, IV e V Varie opzioni Da 50 a 110 Euro A classe 27)”Floor ball che passione” Scuola Primaria Novembre Maggio 25 Euro Alunno/Anno 28) “Scacchi a scuola” Scuola dell’Infanzia e Primaria Ottobre/Maggio 60 Euro Alunno/Anno 29) Consulenza attività motoria Ass. Caprasecca Scuola Primaria Sabin e Rossi Novembre/Maggio 15 Euro Alunno/Anno 30)Ed. al movimento e alla danza Scuola dell’Infanzia e Primaria 2012/2013 10 Euro Alunno/Mese

Scheda riepilogativa dei progetti esterni A.S. 2012/2013:

Scheda riepilogativa dei progetti esterni A.S. 2012/2013 31)”…Io teatro” Happy Time Scuola dell’Infanzia e Primaria 4 Mesi 10/12 Euro Alunno/Mese 32)Teatro “Bibidi Bobidi Bu” Scuola dell’Infanzia e Primaria Ottobre /Maggio 60 Euro Alunno/Anno 33) Bullismo Scuola Primaria Classi V 2012/2013 Gratuito

Autovalutazione :

Autovalutazione Il concetto di valutazione, secondo la scuola dell ’ autonomia, si estende a tutto il sistema scolastico, poich é viene inteso come un accertamento sistematico che accompagna, momento per momento, tutto il percorso che la scuola attua nella realizzazione del POF e dei propri compiti istituzionali, quali: migliorare l ’ efficacia, l ’ efficienza e l ’ economicit à del servizio scolastico; migliorare la comunicazione fra i vari attori dell ’ educazione scolastica attraverso la trasparenza; evidenziare le modalit à organizzative pi ù efficaci per la progettazione e la realizzazione del piano dell ’ offerta formativa; “ garantire a tutti gli alunni pari opportunit à di formazione e successo scolastico ” tenendo conto dei loro bisogni, valorizzando le competenze gi à acquisite, tarando l ’ azione formativa e personalizzando i percorsi nella logica della continuit à educativa e didattica; realizzare il benessere psicofisico degli alunni e migliorare le dinamiche comunicativo-relazionali.

Autovalutazione e Autoanalisi:

Autovalutazione e Autoanalisi Si è avviato un percorso per l ’ elaborazione di attivit à di autoanalisi d ’ Istituto in ordine: all ’ azione di insegnamento/apprendimento; all ’ azione organizzativa; alla qualit à dei progetti e dei laboratori; alla soddisfazione dell ’ utenza; ai bisogni formativi di alunni, docenti e personale ATA; ai bisogni formativi presenti nel contesto dell ’ utenza. Le rilevazioni effettuate forniscono la base informativa attraverso la quale individuare le priorit à di miglioramento su cui definire poi i piani di intervento e di sviluppo rispetto: al contesto; alle risorse; ai processi; ai prodotti. STRUMENTI DI VALUTAZIONE Per il controllo di qualit à si utilizzano diversi strumenti: inchieste, questionari, prove criteriali, chek-list ai genitori, agli alunni, a soggetti esterni, focus group indagini autovalutative (questionari e griglie di rilevazione/valutazione), relazioni per i progetti e per l ’ organizzazione.

Strumenti di Valutazione :

Strumenti di Valutazione Per il controllo di qualità si utilizzano diversi STRUMENTI DI VALUTAZIONE inchieste, questionari, prove criteriali, chek-list ai genitori, agli alunni, a soggetti esterni, focus group indagini autovalutative (questionari e griglie di rilevazione/valutazione), relazioni per i progetti e per l’organizzazione. Sono previsti momenti di supervisione esterna, di formazione del personale e dei genitori, in accordo con Enti di ricerca ed Università di Roma.

Dalla rilevazione della Customer Satisfaction dell’anno scolastico 2011/2012 si evidenzia che i punti di forza del nostro Circolo sono costituiti: :

Dalla rilevazione della Customer Satisfaction dell’anno scolastico 2011/2012 si evidenzia che i punti di forza del nostro Circolo sono costituiti: Relazioni Sociali positive che docenti , genitori ed alunni riescono a stabilire. Area della Progettualità intesa come pianificazione e organizzazione del servizio

Esiti dei questionari di Soddisfazione degli Alunni di V anno scolastico 2011/2012 dal questionario per gli alunni di V a.s. 2011/2012:

Esiti dei questionari di Soddisfazione degli Alunni di V anno scolastico 2011/2012 dal questionario per gli alunni di V a.s. 2011/2012 Il primo grafico mostra quanto piace ai nostri alunni venire a scuola. Il secondo grafico mostra quanto gli alunni stanno bene a scuola. Il terzo grafico mostra quanto gli alunni stanno bene con gli insegnanti.

Sicurezza a Scuola :

Sicurezza a Scuola LA SCUOLA SI PONE COME AMBIENTE SICURO LA SICUREZZA NEL POF: SICUREZZA SCOLASTICA IL P O F del 2 circolo didattico di Ciampino,assume il tema della sicurezza quale termine di riferimento centrale nell ’ ambito dei programmi per l ’ educazione alla salute. Il piano della sicurezza degli edifici scolastici, in attuazione alle indicazioni del D.l.gs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni, rappresenta un capitolo qualificante del P O F. Nella nostra scuola, infatti, il tema della sicurezza è trasversale a tutta l ’ attivit à formativo-curricolare. Considerato e vissuto come un ’ opportunit à per promuovere una sostanziale “ cultura della prevenzione ” dei rischi, vede coinvolto tutto il personale (a cominciare dagli allievi), attraverso una continuit à ed efficace attivit à di informazione e formazione. Ogni anno il personale della scuola segue corsi di informazione – formazione relativi alla D.L.g.81/08 in ogni locale scolastico è affissa la planimetria nella quale è evidenziata l ’ uscita pi ù idonea da raggiungere, seguendo il percorso indicato dalla segnaletica.

Gli interventi didattici relativi ai temi della sicurezza sono coordinati nell’ambito di un progetto unitario denominato “informazione e prevenzione” comprendente:

Gli interventi didattici relativi ai temi della sicurezza sono coordinati nell ’ ambito di un progetto unitario denominato “ informazione e prevenzione ” comprendente a ) DESTINATARI: tutti gli alunni della scuola; b) FINALIT Á Le finalit à del progetto prevedono: 1) promozione della cultura della prevenzione dei rischi; 2) informarsi per prevenire; 3) “ ANTICIPAZIONE ” ; sviluppo dell ’ abitudine a prevedere ( “ anticipare ” ) le possibili conseguenze delle proprie ed altrui azioni o di eventi ambientali; 4) Interiorizzazione del “ bene salute ” quale valore di riferimento nelle scelte di vita. c) AZIONI Le azioni coordinate dell ’ educazione alla sicurezza comprendono: 1) contestualizzazione dei temi della sicurezza nell ’ ambito dei programmi ordinari di educazione alla salute; 2) rilevazione/memorizzazione dei fattori di rischio presente negli ambienti scolastici e 3) adozione dei comportamenti preventivi conseguenti; 4) partecipazione alle prove simulate di evacuazione d ’ emergenza, lettura consapevole della cartellonistica, rispetto alle consegne; 5) trasferimento degli apprendimenti afferenti ai temi della sicurezza anche in ambito extra-scolastico (sulla strada, negli ambienti domestici, nei locali pubblici ecc); 6) Partecipazione a Corsi di Primo Soccorso in accordo con la Croce Rossa Italiana e la nostra istituzione scolastica; 7)ciascun insegnante, nelle classi di compresenza, assicura: interventi informativi sui fattori di rischio presenti negli ambienti scolastici; interventi informativi sul corretto uso delle strutture, strumentazioni e dotazioni scolastiche; interventi informativi sui comportamenti preventivi.

Norme inderogabili per l’attuazione del Contratto Formativo:

Norme inderogabili per l’attuazione del Contratto Formativo Eseguire con sollecitudine e fattiva collaborazione le disposizioni del Dirigente Scolastico; Avere un comportamento responsabile e costruttivo per il corretto ed ottimale funzionamento del Plesso; Prendere visione delle Circolari; Comunicare tempestivamente ogni assenza o ritardo secondo quanto stabilito dal CCNL e dalle disposizioni interne; Rispettare gli orari ed essere presente a scuola 5 minuti prima dell’ingresso alunni; Comunicare, per iscritto, al Collaboratore di Plesso, un eventuale cambio turno con il collega; Ricevere i Genitori negli incontri stabiliti e/o previo appuntamento, per comunicazioni particolarmente urgenti, nei tempi precedenti o seguenti l’orario previsto per la programmazione; Sorvegliare l’entrata degli alunni; Sorvegliare l’uscita degli alunni; attendere i genitori in ritardo (in caso di prolungato ritardo o ripetuto ritardo richiedere l’intervento della Polizia tramite il 113); Tenere in classe l’alunno sprovvisto di giustificazione o di in attesa di comunicazione con la famiglia; Non fumare; Richiedere, per iscritto, autorizzazione al Dirigente Scolastico ed ai genitori anche per uscite a piedi; Seguire la procedura indicata nella normativa vigente e dalle disposizioni interne, per visite didattiche e gite ecc…; Gestire per via gerarchica o su esplicita delega del Dirigente Scolastico o del Collegio dei Docenti i contatti, le richieste e i rapporti con gli Enti Locali o con altre Pubbliche Amministrazioni; Inserire nella Programmazione Didattica elementi di norme di sicurezza per gli alunni e partecipare attivamente al Piano di Sicurezza del Circolo e alle esercitazioni di evacuazione

PowerPoint Presentation:

SCUOLA PRIMARIA “PAOLA SARRO” Viale Kennedy,n°59 - 00043 Ciampino - Tel 067922542 Fax 0679312218 Responsabile di plesso: Ins. Stefania Quattrocchi Classi a tempo pieno Classi a tempo normale orario 8,20 - 16,20 orario 8,20 - 13,20 1 rientro/sett. uscita 16,20 1 A 1 B 1 C 2 A 2 B 2 C 3 A 3 B 3 C 4 A 4 B 4 C 5 A 5 B 5 C Servizi permanenti : mensa, pre-scuola, scuolabus attivato con un numero minimo di richieste : post-scuola Sono gestiti dal Comune di Ciampino e dall'Asp: visitare il sito www.comune.ciampino.roma.it Sicurezza: ASPP Collaboratore scolastico Teofani Agostino; RLS Ins. Guerrieri Cecilia Funzione strumentale territorio Ins. Anna Maria Lijoi Commissione autovalutazione Ins. Patrizia Capodiferro - Ins. Anna Rizzo Equipe psicopedagogica Ins. Tiziana Diana - Ins. Silvia Angerame Commissione multimediale Ins. Orietta Malfagia Commissione territorio Ins. Maria Rosaria Pennacchio Commissione continuità primaria-media Ins. Anna Rizzo Commissione continuità infanzia-primaria Ins. Vincenza Bonante Responsabile Laboratori Ins. Orietta Malfagia Commissione Comenius: Ins. Fabiola Arti, Referente Ins. Stefania Quattrocchi Progetti attivati:

PowerPoint Presentation:

SCUOLA PRIMARIA “TOMMASO ROSSI” Via Luigi Bleriot,n°28 - 00043 Ciampino - Tel/Fax 0679321527 Responsabile di plesso: Ins. Germana Bianchelli Classi a tempo pieno Classi a tempo normale orario 8,20 - 16,20 orario 8,20 - 13,20 1 rientro/sett. uscita 16,20 1 A 1 B 1 C 2 A 2 B 2 C 3 A 3 C 4 A 4 C 5 A 5 C Servizi permanenti : mensa, pre-scuola, scuolabus attivato con un numero minimo di richieste : post-scuola Sono gestiti dal Comune di Ciampino e dall'Asp: visitare il sito www.comune.ciampino.roma.it Sicurezza: ASPP Ins. Fiorini Graziella; RLS Ins. Guerrieri Cecilia Commissione autovalutazione Ins. Maria Luisa Scarfagna Equipe psicopedagogica Ins. Vittoria Iodice Commissione Multimediale Ins. Daniela Luciani Commissione Territorio e Referente Sport Ins. Genny Sparano Commissione continuità primaria-media Ins. Cristina Ricciardi Commissione Continuità infanzia-primaria Ins. Anna Silvestrini Responsabile di laboratorio Ins. Vittoria Iodice Comitato di valutazione Ins. Lucia Iorio Commissione Comenius: Ins. Emanuela Cassino Progetti attivati:

PowerPoint Presentation:

SCUOLA PRIMARIA “MARTIN LUTHER KING” Via Bologna, snc - 00043 Ciampino - Tel/Fax 0679350614 Responsabile di plesso: Ins. Maria Alfano Piscopo Classi a tempo pieno Classi a tempo normale orario 8,30 - 16,30 orario 8,30 - 13,30 1 rientro/sett. uscita 16,30 1 A 1 B 1 C 2 A 2 B 2 C 3 A 3 B 3 C 4 A 4 B 4 C 5 A 5 B 5 C Servizi permanenti : mensa, pre-scuola, scuolabus attivato con un numero minimo di richieste : post-scuola Sono gestiti dal Comune di Ciampino e dall'Asp: visitare il sito www.comune.ciampino.roma.it Sicurezza: ASPP Collaboratrice scolastica Colecchia Anna Maria; RLS Ins. Guerrieri Cecilia Funzione strumentale Pof area 1 Ins. Serena Acciarino Funzione strumentale Multimediale Ins. Floriana Fierro Commissione autovalutazione Ins. Cecilia Guerrieri ed Ins. Fortunata Landro Equipe psicopedagogica Ins. Anna Longobardi Commissione multimediale e Responsabile di laboratorio Ins. Cira Pauciullo Commissione continuità primaria-media Ins. Lorella Sellari Commissione continuità infanzia-primaria Ins. Arianna Volpe Comitato di valutazione Ins. Cira Pauciullo (supp. Ins. Arianna Volpe) Commissione Comenius Ins. Floriana Fierro Progetti attivati:

PowerPoint Presentation:

SCUOLA PRIMARIA “ALBERT SABIN” Via Acqua Acetosa,n°8/10 - 00043 Ciampino - Tel/Fax 067962026 Responsabile di plesso: Ins. Rosalia Del Greco Classi a tempo pieno orario 8,30 - 16,30 1 A 2 A 3 A 4 A 5 A Servizi permanenti : mensa, pre-scuola, scuolabus attivato con un numero minimo di richieste : post-scuola Sono gestiti dal Comune di Ciampino e dall'Asp: visitare il sito www.comune.ciampino.roma.it Sicurezza: RLS Ins. Guerrieri Cecilia Commissione autovalutazione Ins. Laura Magnani Commissione multimediale Ins. Giuseppina Riccio Commissione Territorio Ins. Rita Russo Commissione continuità primaria-media Ins. Rita Russo Commissione continuità infanzia-primaria Ins. Rosalia Del Greco Responsabile di laboratorio Ins. Giuseppina Riccio Commissione Comenius Ins. Giuseppina Riccio Progetti attivati:

PowerPoint Presentation:

SCUOLA DELL'INFANZIA “PAOLA SARRO” Viale Kennedy,n°59 - 00043 Ciampino - Tel 067922542 Fax 0679312218 Responsabile di plesso: Ins. Rita Gazzaneo Sezioni a tempo normale Sezioni a tempo ridotto orario 8,15/8,45 - 16,00/16,15 orario 8,15/8,45 - 13,00/13,15 oppure 8,15/8,45 con uscita 15,00/15,15 sezione A sezione D sezione B sezione C sezione E sezione F Servizi permanenti : mensa, pre-scuola, scuolabus attivato con un numero minimo di richieste : post-scuola Sono gestiti dal Comune di Ciampino e dall'Asp: visitare il sito www.comune.ciampino.roma.it Sicurezza: ASPP Collaboratore scolastico Teofani Agostino; RLS Ins. Guerrieri Cecilia Funzione strumentale Pof area 2: Ins. Floriana Leva Funzione strumentale Multimediale Ins. Daniela Teodori Commissione autovalutazione Ins. Antonella Lerro Commissione continuità infanzia-primaria Ins. Patrizia Colagrossi Commissione di valutazione Ins. Rita Gazzaneo Commissione Multimediale Ins. Marisa Massimi Progetti attivati:

PowerPoint Presentation:

SCUOLA DELL'INFANZIA “TOMMASO ROSSI” Via Luigi Bleriot,n°28 - 00043 Ciampino - Tel/Fax 0679321527 Responsabile di plesso: Ins. Onelia Grisanti Sezioni a tempo normale Sezioni a tempo ridotto orario 8,15/8,45 - 16,00/16,15 orario 8,15/8,45 - 13,00/13,15 oppure 8,15/8,45 con uscita 15,00/15,15 sezione A sezione C sezione B* sezione D sezione F sezione E sezione G *prolungamento attuato dal Comune di Ciampino Servizi permanenti : mensa, pre-scuola, scuolabus attivato con un numero minimo di richieste : post-scuola Sono gestiti dal Comune di Ciampino e dall'Asp: visitare il sito www.comune.ciampino.roma.it Sicurezza: ASPP Ins. Fiorini Graziella; RLS Ins. Guerrieri Cecilia Commissione autovalutazione Ins. Paola Perciballi Commissione continuità infanzia-primaria Ins. Roberta D'Olimpio Progetti attivati:

PowerPoint Presentation:

SCUOLA DELL'INFANZIA “MARTIN LUTHER KING” Via Bologna, snc - 00043 Ciampino - Tel/Fax 0679350614 Responsabile di plesso: Ins. Maria Rosaria Miranda Sezioni a tempo normale Sezioni a tempo ridotto orario 8,15/8,45 - 16,00/16,15 orario 8,15/8,45 - 13,00/13,15 oppure 8,15/8,45 con uscita 15,00/15,15 sezione A sezione D sezione B sezione E sezione C sezione F Servizi permanenti : mensa, pre-scuola, scuolabus attivato con un numero minimo di richieste : post-scuola Sono gestiti dal Comune di Ciampino e dall'Asp: visitare il sito www.comune.ciampino.roma.it Sicurezza: ASPP Collaboratrice scolastica Colecchia Anna Maria; RLS Ins. Guerrieri Cecilia Commissione autovalutazione Ins. Maria Rosaria Miranda Equipe psicopedagogica Ins. Maria Abbondati Commissione territorio Ins. Lorena Pietropaoli Commissione continuità infanzia-primaria Ins. Lorena Pietropaoli Comitato di valutazione Ins. Lorena Pietropaoli (supp. Ins. Maria Rosaria Miranda) Progetti attivati:

PowerPoint Presentation:

SCUOLA DELL'INFANZIA “ALBERT SABIN” Via Acqua Acetosa,n°8/10 - 00043 Ciampino - Tel/Fax 067962026 Responsabile di plesso: Ins. Silvana Lanno Sezioni a tempo normale Sezioni a tempo ridotto orario 8,30/9,00 - 16,15/16,30 orario 8,30/9,00 - 13,15/13,30 oppure 8,30/9,00 con uscita 15,15/15,30 sezione A sezione B Servizi permanenti : mensa, pre-scuola, scuolabus attivato con un numero minimo di richieste : post-scuola Sono gestiti dal Comune di Ciampino e dall'Asp: visitare il sito www.comune.ciampino.roma.it Sicurezza: RLS Ins. Guerrieri Cecilia Funzione strumentale handicap Ins. Teresa Caponera Commissione autovalutazione Ins. Giuseppina Caiazzo Commissione continutità infanzia-primaria Ins. Giuseppina Caiazzo Progetti attivati:

authorStream Live Help