Esame_delle_urine

Views:
 
     
 

Presentation Description

L'esame delle urine spiegazioni e indicazioni.- Prof Roccatello

Comments

Presentation Transcript

Esame delle urine: 

Esame delle urine Rene e laboratorio Argomenti di Patologia Clinica

Esame delle urine: 

Esame delle urine Esame fisico Esame chimico Esame microscopico

Raccolta: 

Raccolta 12 ml Campione ideale: prime urine del mattino Mitto intermedio

Conservazione e trasporto: 

Conservazione e trasporto Molte componenti stabili per 2 ore Urocultura: entro 1 ora dalla raccolta Refrigerare se campione non analizzato entro 2 ore

Conservazione e trasporto: 

Conservazione e trasporto Molte componenti stabili per 2 ore Urocultura: entro 1 ora dalla raccolta Refrigerare se non analizzato entro 2 ore La stabilità dipende da: Intensità della luce Temperatura pH Peso Specifiche caratteristiche chimico-fisiche

Conservazione e trasporto: 

Conservazione e trasporto Col passare del tempo: I batteri ed i lieviti iniziano a moltiplicarsi rapidamente I batteri ureasici producono NH 3 che aumenta il pH I batteri utilizzano glucosio diminuendone la concentrazione I cilindri e le cellule si deteriorano Avvengono modificazioni chimico-fisiche: Degradazione di bilirubina e urobilinogeno Formazione di cristalli e sedimenti amorfi

Esame fisico: 

Esame fisico Colore Normale: giallo Anormale: Bianco  pus Rosa/rosso  sangue o emoglobina Marrone  bilirubina Nero  melanina Altri colori  farmaci Aspetto e caratteristiche: Normale: limpido Anormale: torbido Materiale amorfo Pus Sangue Cellule epiteliali Batteri Cristalli Cilindri

Esame fisico: 

Esame fisico Odore Normale: odore caratteristico provocato da acidi volatili Anormale: Acetone  odore di frutta Batteri  odore di ammoniaca Peso specifico o indice refrattivo Indica il peso dell’urina confrontato con il peso di un uguale volume di H 2 O Misurato : Con mezzi chimici Otticamente (refrattometro) Urinometro

Esame chimico: 

Esame chimico Glucosio Bilirubina Chetoni Peso specifico Sangue pH Proteine Urobilinogeno Nitrati Leucociti

PowerPoint Presentation: 

Esame chimico

Esame chimico: 

Esame chimico Glucosio (non rilevato fino a quando il livello ematico > 160-180 mg/dl) Causa più comune: iperglicemia Insufficiente riassorbimento renale (disordini tubulari) Bilirubina Danno epatico Ittero ostruttivo Anemia emolitica

Esame chimico: 

Esame chimico Chetoni Gli acidi grassi sono catabolizzati ad acetoacetato , acido b idrossibutirrico ed acetone Misura dell’acido acetoacetico Peso specifico Indica la capacità del rene di concentrare le urine Una delle prime funzioni perse in seguito a danno tubulare

Esame chimico: 

Esame chimico Sangue Ematuria: presenza di sangue nelle urine. Possono essere globuli rossi (GR) intatti od emoglobina da GR emolizzati I GR possono provenire dal glomerulo fino all’uretra Patologie renali Calcoli renali Traumi del rene, della vescica e dell’uretra Tumori vescicali

Cause di ematuria: 

Cause di ematuria

Esame chimico: 

Esame chimico pH (Range 5-9) Determinato da: Dieta Metabolismo condizioni fisiologiche e patologiche Proteine Proteinuria Normale: < 200 mg /24 h Stick +  > 300 mg / l ( albumina ) Cause: Sovraccarico (proteine plasmatiche a basso peso molecolare = Bence Jones, mioglobina) Perdita glomerulare Diminuito riassorbimento tubulare (RBP, albumina) Proteine di origine tubulare

Correlazione proteinuria 24 h vs proteinuria/Cr su urine spot: 

Correlazione proteinuria 24 h vs proteinuria/Cr su urine spot

Esame chimico: 

Esame chimico Urobilinogeno  nelle patologie epatiche Valori di riferimento: 0.2-1.0 UI Nitriti Presenti in molte infezioni delle vie urinarie Leucociti Le cartine determinano la presenza di livelli anormali di granulociti La reazione positiva di norma indica un minimo di 5-15 WBC per campo microscopico a maggiore ingrandimento (HPMF)

Valori di riferimento: 

Valori di riferimento Glucosio Negativo Bilirubina Negativa Peso specifico pH Bambini 1.002-1.006 Neonati 5-7 Adulti* 1.001-1.030 Dopo 5-8 Chetoni Negativi Sangue Negativo Proteine Negative Urobilinogeno 0.2-1 UI Nitriti Negativi Leucociti Negativi * usualmente: 1015-1025. Un basso peso specifico può essere l’unico indicatore urinario di insufficienza renale cronica

Test di secondo livello: 

Test di secondo livello Refrattometro o urinometro usato per quantificare pesi specifici > 1.030 o verificare i risultati su campioni con pH  8 Acetest Usato per verificare i risultati dei chetoni Sensibilità simile ma permette di valutare più fedelmente la variazione di colore Icotest Più sensibile e specifico per la bilirubina

Test di secondo livello: 

Test di secondo livello Clinitest: Misura tutte le sostanze riducenti permettendo un risultato quantitativo fino a 5 g/dl L’identificazione di sostanze riducenti è importante nei bambini  se presenti possono indicare anomalie congenite del metabolismo con rischio di ritardo mentale Test di Exton determina la presenza di proteine diverse dall’albumina Proteinuria di Bence Jones Glicoproteine Mioglobina ed altre globuline

Analisi microscopica: 

Analisi microscopica Analisi del sedimento “a fresco” per identificare elementi significativi Analisi a basso ingrandimento: 100-150 x (LP) Analisi ad alto ingrandimento (HP) 400-450x Indicazione numerica (elementi / HPMF) Possibile colorazione di Sternheimer-Malbin

Cellule: 

Cellule Globuli rossi (GR): possono originare da ogni parte del rene e delle vie urinarie Globuli bianchi (WBC): Possono entrare nelle urine in ogni punto, dal glomerulo all’uretra Cellule epiteliali: possono originare da ogni parte del tratto genito-urinario Cellule epiteliali squamose Cellule dell’epitelio di transizione Cellule dell’epitelio tubulare renale

Globuli rossi (ematuria): 

Globuli rossi (ematuria) Se presenti in grossa quantità: infezioni / infiammazioni Traumi Tumori Calcoli renali Danno glomerulare Contaminazione di origine mestruale

Globuli rossi: 

Globuli rossi

PowerPoint Presentation: 

Globuli rossi (contrasto di fase)

Globuli rossi: 

Globuli rossi

Globuli bianchi (leucocituria, piuria): 

Globuli bianchi (leucocituria, piuria) La loro presenza suggerisce: Processi infiammatori del tratto urinario Cistiti Pielonefriti Infezioni genitali Prostatiti Cerviciti Vaginiti Possono anche trovarsi in condizioni non infettive Glomerulonefriti (ad es. in forme aggressive di nefrite lupica) Disidratazione Stress Febbre

Globuli rossi e globulo bianco: 

Globuli rossi e globulo bianco

Globuli rossi e globuli bianchi: 

Globuli rossi e globuli bianchi

Globuli bianchi: 

Globuli bianchi

Globuli bianchi: 

Globuli bianchi

Cellule epiteliali: 

Cellule epiteliali Cellule epiteliali squamose Origine uretrale o vaginale  scarso significato Cellule dell’epitelio di transizione 2-4 volte più grandi dei leucociti Tonde o piriformi Originano da: Pelvi renale  Uretere  Vescica  Uretra Cellule dell’epitelio tubulare renale Poco più grandi dei leucociti Piatte, cuboidali o colonnari La loro presenza suggerisce un danno tubulare Necrosi tubulare  Rigetto trapianto  Pielonefrite

Cellule epiteliali squamose: 

Cellule epiteliali squamose

Cellule epiteliali di transizione: 

Cellule epiteliali di transizione

Cellule epiteliali tubulari: 

Cellule epiteliali tubulari

Cilindri: 

Cilindri Si formano nel lume tubulare Mucoproteina di Tamm-Horsfall: ritenuta la matrice di tutti i cilindri Sono chiamati ed identificati in base alle loro caratteristiche morfologiche Riportati come n°/ campo microscopico a basso ingrandimento (LPMF)

Tipi di cilindri: 

Tipi di cilindri Cilindri ialini: I più comuni Rinvenuti spesso dopo esercizio fisico o stress Cilindri granulari: La loro presenza indica normalmente patologie renali significative A volte sono presenti pure dopo esercizio fisico estremo o iperpiressia

Cilindro ialino: 

Cilindro ialino Materiale ialino

Cilindro granulare: 

Cilindro granulare

Cilindro granulare con inclusi eritrocitari: 

Cilindro granulare con inclusi eritrocitari

Tipi di cilindri: 

Tipi di cilindri Cilindri eritrocitari: Indicativi di ematuria di genesi renale Sempre indicativi di una glomerulonefrite Cilindri leucocitari Formati da PMN neutrofili Osservati in glomerulonefriti a più intensa attività flogistica (ad es. Nefrite lupica)

Cilindro eritrocitario: 

Cilindro eritrocitario

Cilindro eritrocitario: 

Cilindro eritrocitario

Cilindro eritrocitario: 

Cilindro eritrocitario

PowerPoint Presentation: 

Cilindro eritrocitario

Cilindro leucocitario: 

Cilindro leucocitario

Cilindro leucocitario nel tubulo renale: 

Cilindro leucocitario nel tubulo renale

Cilindro leucocitario nel tubulo renale: 

Cilindro leucocitario nel tubulo renale

Tipi di cilindri: 

Tipi di cilindri Cilindri di cellule epiteliali Derivano da Stasi urinaria Degenerazione tubulare Necrosi tubulare Cilindri cerei Derivano dalla degenerazione dei cilindri granulari Osservati in Insufficienza renale cronica severa Ipertensione maligna Amiloidosi renale Patologie renali acute (fase di sblocco) Infiammazione e degenerazione tubulare Cilindri lipoidei derivano da Degenerazione lipoidea dell’epitelio tubulare Sindrome nefrosica

Cilindro di cellule epiteliali: 

Cilindro di cellule epiteliali

Cilindro cereo: 

Cilindro cereo

Cilindro lipoideo: 

Cilindro lipoideo

Reperti vari: 

Reperti vari Batteri Le urine sono normalmente sterili Un grande numero di batteri e WBC è indicativo di infezione del tratto urinario (UTI) La presenza di soli batteri, senza WBC, all’esame diretto può indicare una contaminazione Lieviti Possono riscontrarsi nelle infezioni e nei diabetici Sperma Muco Corpi grassi ovalari

Batteri: 

Batteri

Sedi di infezione delle vie urinarie: 

Sedi di infezione delle vie urinarie

Sintomi delle infezioni delle vie urinarie: 

Sintomi delle infezioni delle vie urinarie Pionefrosi od ascesso perinefrico Tremito Dolore lombare Perdita di peso Sudori notturni Pielonefrite acuta Febbre Malessere Nausea Vomito Dolore addominale Infezione delle basse vie urinarie Disuria Pollachiuria Ematuria Urina torbida Nicturia Dolore soprapubico Stranguria Urgenza urinaria

Lieviti: 

Lieviti

Lieviti: 

Lieviti

Muco: 

Muco

Muco – microscopio di fase: 

Muco – microscopio di fase

Corpi grassi ovalari: 

Corpi grassi ovalari

Corpi grassi ovalari – microscopio polarizzatore: 

Corpi grassi ovalari – microscopio polarizzatore

Parassiti: 

Parassiti Trichomonas vaginalis: Il parassita più frequente Schistosoma haematobium: Diffusione ematogena  localizzazione nelle vene pelviche  deposito uova nella parete muscolare di vescica, ureteri ed uretra Enterobius vermicularis: Contaminante È possibile vedere delle uova nelle femmine adulte Pediculosis pubis Contaminante che origina dai peli pubici

Trichomonas: 

Trichomonas

Cristalli in urine acide: 

Cristalli in urine acide Cristalli di acido urico Anche nelle urine normali 16% dei pz con gotta Cristalli di ossalato di calcio Alte concentrazioni di acido ossalico in: Vegetali a foglia verde Pomodori Bibite gassate The Cioccolato Urati amorfi

Acido urico: 

Acido urico

Acido urico: 

Acido urico

Acido urico (microscopio polarizzatore): 

Acido urico (microscopio polarizzatore)

Ossalato di calcio: 

Ossalato di calcio

Ossalato di calcio: 

Ossalato di calcio

Ossalato di calcio: 

Ossalato di calcio

Urati amorfi: 

Urati amorfi

Cristalli in urine basiche : 

Cristalli in urine basiche Carbonato di calcio Fosfato di calcio Biurato d’ammonio Fosfati amorfi

Fosfati amorfi: 

Fosfati amorfi

Cristalli sempre patologici: 

Cristalli sempre patologici Cristalli di triplofosfato Infezioni del tratto urinario Cristalli di cistina: Patologie metaboliche congenite Cristalli di tirosina Patologie degenerative tissutali, incluse le epatiti e le leucemie Cristalli di leucina Patologie degenerative tissutali, incluse le epatiti e le leucemie Cristalli di colesterolo Patologie renali Sindrome nefrosica Condizioni che portano alla formazione o deposizione di lipidi nel rene Cristalli di bilirubina Ittero clinico Cristalli di emosiderina Emolisi severa Anemie emolitiche Reazioni trasfusionali

Triplo fosfato: 

Triplo fosfato

Cristalli di cistina: 

Cristalli di cistina

Cristalli di tirosina: 

Cristalli di tirosina

Cristalli di leucina: 

Cristalli di leucina

Cristalli di colesterolo: 

Cristalli di colesterolo

Altri cristalli : 

Altri cristalli Sulfonamidi I sulfamidici possono formare calcoli e provocare danni tubulari Mezzo di contrasto Rx In seguito a pielografia endovenosa

Sulfonamidi: 

Sulfonamidi

Calcoli urinari: 

Calcoli urinari Formazione:  concentrazione urinaria dei costituenti dei calcoli Superamento del limite di solubilità Formazione di piccoli cristalli e poi di calcoli Fattori facilitanti la formazione di calcoli Dieta ricca di: Calcio Vitamina C o D Proteine Ossalato Sale Scarsa ingestione di acqua Farmaci

Calcoli urinari: 

Calcoli urinari Tipi: Di calcio (> 75%) Ossalato di calcio (73%) Fosfato di calcio Triplo fosfato (15%) Magnesio, ammonio, fosfato Acido urico (5-10%) Cistina (<2%)

Composizione chimica vs. frequenza in Inghilterra: 

Composizione chimica vs. frequenza in Inghilterra Composizione Frequenza (%) Ossalato e fosfato di calcio 40 Ossalato di calcio puro 25 Fosfato di magnesio-ammonio e fosfato di calcio 20 Fosfato di calcio 7 Acido urico 7 Cistina 1

Caratteristiche di presentazione dei calcoli nelle vie urinarie superiori: 

Caratteristiche di presentazione dei calcoli nelle vie urinarie superiori Dolore caliciale Dolore ottuso, ricorrente al fianco Bacinetto renale Episodi di dolore intenso quando il calcolo si incunea nel GPU Uretere Dolore estremo a tipo colica Ematuria Macroscopica e microscopica Infezione Infezioni ricorrenti delle vie urinarie Grave infezione sistemica con febbre associati ad ostruzione Vomito Di solito associato a colica Un’ infezione urinaria può provocare vomito, specialmente nei bambini

Principi della litotrissia: 

Principi della litotrissia

Valori di riferimento microscopici: 

Valori di riferimento microscopici Eritrociti 0-3 / HPMF Leucociti 0-5 / HPMF Cellule epiteliali squamose Presenti Batteri Assenti Cilindri ialini 0 – 3 / LPMF Cristalli Basso numero. non aggregati HPMF = campo microscopico ad alto ingrandimento LPMF = campo microscopico basso ingrandimento

Esame delle urine: riassunto: 

Esame delle urine: riassunto Campione fresco = campione valido Aspetto: Sangue Colore (emoglobina, mioglobina) Torbidità (infezioni, sindrome nefrosica) Peso specifico: Gli stick misurano solo le specie ioniche (non il glucosio) pH: Normale = acido; dopo i pasti: montata alcalina

Cause di colorazione: riassunto : 

Cause di colorazione: riassunto Blu, verde Rosa, arancione, rosso Rosso, marrone, nero Blu di metilene Emoglobina Emoglobina Pseudomonas Mioglobina Mioglobina Riboflavina Fenolftaleina Eritrociti Porfirine Acido omogentisico Rifampicina L-DOPA Melanina Metildopa

Esame delle urine: riassunto: 

Esame delle urine: riassunto Glucoso Aumento glicemia Insufficiente riassorbimento renale (disordini tubulari) Proteinuria Di norma sono escrete piccole quantità di proteine a basso peso molecolare (< 15-20 mg/dl) Le cartine sono più sensibili per l’albumina (presente in diverse patologie renali)

Esame delle urine: riassunto: 

Esame delle urine: riassunto Sedimento Esame microscopico del sedimento di urine fresche Cellule, cilindri (proteina di Tamm-Horsfall), gocce lipidiche Cilindri eritricitari – ematuria  patologie glomerulari Cilindri leucocitari + PMN + batteriuria  pielonefrite PMN (senza cilindri) + batteri  Infezioni urinarie Ematuria, cellule, cilindri  sindrome nefrtica acuta Sedimento “minore” glomerulonefrite cronica

PowerPoint Presentation: 

Queste diapositive sono state realizzate per i Corsi di Medicina di Laboratorio e di Patologia Clinica della Facoltà di Medicina dell’Università di Torino Nel caso riscontraste errori o inesattezze potete inviare una e-mail all’indirizzo patclin-unito@yahoo.it Nel caso voleste utilizzare queste diapositive per i vostri corsi vi saremmo molto grati se lo segnalaste allo stesso indirizzo di posta Argomenti di Patologia Clinica