Note Udc Federalismo fiscale_ DEF

Views:
 
Category: Others/ Misc
     
 

Presentation Description

No description available.

Comments

Presentation Transcript

“Note sul Federalismo Fiscale“ : 

“Note sul Federalismo Fiscale“

Premesse : 

Premesse L’Unione di Centro si è opposta, unico partito in parlamento, all’attuale previsione della Legge Delega 42/2009 sul “Federalismo Fiscale”, nonché ai decreti attuativi emanati fino ad ora per l’attuazione della Legge stessa; Siamo di fronte ad un “Porcellum” tributario che finisce solo per aumentare le tasse ai cittadini. L'Udc non vuole essere complice di un aumento delle tasse: tassa di soggiorno tassa di scopo sulle opere pubbliche sblocco dell’addizionale Irpef; Questo Federalismo Fiscale è pericoloso innanzitutto perché viene portato avanti esclusivamente come “Provvedimento di Bandiera”

Premesse : 

Premesse a cura di: On. Mauro Libè Se le imposte previste nel decreto non riguardano il cittadino residente viene violato, il principio cardine che sancisce il legame indissolubile tra amministratore e amministrato; Il presidente del Consiglio dice che non metterà la patrimoniale, ma nel provvedimento ce ne sono addirittura due: l’IMU e l’imposta di scopo. La vera ragione è che il Governo ha tolto risorse ai comuni con i tagli lineari senza tener conto dei comuni virtuosi ed ora tenta di restituirle con questo pasticcio fiscale; Non è una partita di giro, è una presa in giro!

Slide 4: 

a cura di: On. Mauro Libè Era indispensabile, prima di procedere all’attuazione del federalismo fiscale: Modellare il sistema istituzionale rendendolo federalista; Stabilire le competenze dei vari livelli di governo in modo da chiarire “chi fa cosa”; Solo successivamente sarebbe stato possibile aprire il dibattito sul Federalismo Fiscale, che non può che essere considerato solo una parte di una più precisa riforma istituzionale.

Slide 5: 

a cura di: On. Mauro Libè In particolar modo, le azioni che, a nostro avviso, si sarebbero dovute intraprendere, riguardano: a) il ridisegno dell’assetto statale, in modo da renderlo più “snello”, “leggero”, e meno burocratico; b) la riduzione del numero dei Parlamentari, visto che è superfluo mantenerne un cosi alto numero con il nuovo assetto federale; c) l’abolizione delle Province, considerate come enti di governo periferici inutili e costosi; d) l’accorpamento dei comuni. Ad oggi ci sono più di 8mila comuni, di cui circa 6mila con meno di 5mila abitanti. Come è possibile trovare regole comuni per municipi con 34 abitanti e municipi con milioni di abitanti?

Devoluzione ai Comuni della fiscalità immobiliare : 

Devoluzione ai Comuni della fiscalità immobiliare A decorrere dal 2011 è devoluto ai comuni il gettito derivante: dai seguenti tributi: Irpef in relazione ai redditi fondiari(escluso quello agrario) Imposta di registro e imposta di bollo sui contratti di locazione relativi ad immobili Cedolare secca sugli affitti (per una quota pari al 21,7% nel 2011 ed al 21,6% a decorrere dal 2012) dal 30% dei seguenti tributi: Imposta di registro e imposta di bollo Imposta ipotecaria e catastale (salvo il gettito relativo agli atti soggetti ad Iva) Tributi speciali catastali Tasse ipotecarie Analisi del provvedimento

Devoluzione ai Comuni della fiscalità immobiliare : 

Devoluzione ai Comuni della fiscalità immobiliare Il gettito andrà ad alimentare il Fondo Sperimentale di Equilibrio Il riparto del Fondo fra i singoli comuni avverrà tendo conto dei fabbisogni standard di spesa E’ prevista l’attribuzione ai Comuni di una compartecipazione al gettito IVA, che dovrà essere determinata con apposito DPCM in misura finanziariamente equivalente alla compartecipazione del 2% al gettito dell’IRPEF Non si conoscono i dati, pertanto non vi è certezza della presenza di risorse per la costituzione del fondo. Analisi del provvedimento

Cedolare Secca sugli affitti : 

Cedolare Secca sugli affitti Il canone di locazione dei contratti per immobili ad uso abitativo può essere assoggettato ad un’imposta sostitutiva del 19% o del 21% a seconda della tipologia del contratto, tale imposta sostituisce: l’imposta sul reddito delle persone fisiche e delle relative addizionali; le imposte di registro e di bollo sul contratto di locazione; le imposte di registro e di bollo sulle risoluzione e sulle proroghe del contratto di locazione E’ un provvedimento iniquo che non serve a riequilibrare la tassazione in quanto il metodo impositivo passa da progressivo a proporzionale e quindi premia i redditi alti a scapito di quelli più bassi! Analisi del provvedimento

Cedolare Secca sugli affitti : 

Cedolare Secca sugli affitti Non prevede alcuna misura di agevolazione per le famiglie con figli Poteva essere più equa e più utile per combattere l’evasione fiscale a condizione che: Fosse stato introdotto il cosiddetto “ conflitto di interessi” prevedendo una di deducibilità di parte dell’affitto per l’inquilino; Fosse stata applicata una deducibilità crescente in funzione del numero dei figli dell’inquilino. Analisi del provvedimento

Imposta di soggiorno : 

Imposta di soggiorno E’ un’imposta a carico di coloro che alloggiano nelle strutture ricettive di: Comuni capoluogo di provincia Unioni di comuni e comuni inclusi negli elenchi regionali delle località turistiche Città d’arte E’ pagata in percentuale sul costo di una notte in albergo con un tetto di 5 euro a persona e viene istituita con deliberazione del consiglio comunale. Analisi del provvedimento

Imposta di soggiorno : 

Imposta di soggiorno …Una famiglia composta da padre, madre e due figli potrebbe essere costretta a pagare fino a 20 euro in più a notte! L’applicazione di un’Imposta di soggiorno, inoltre, è un forte deterrente per attrarre turisti in Italia. Le imprese del settore turistico subiranno gravemente questa imposta Analisi del provvedimento

Addizionale comunale all’IRPEF : 

Addizionale comunale all’IRPEF I comuni possono sbloccare le addizionali Irpef arrivando a un tetto massimo dello 0,4%. L’Udc ha sempre contestato la proporzionalità e la non progressività di questa addizionale che colpisce i redditi più bassi. Analisi del provvedimento

Slide 13: 

Analisi del provvedimento

Slide 14: 

L’imposta di scopo potrà far gravare sui cittadini il finanziamento delle opere pubbliche realizzate dai comuni che rappresentano circa il 60% delle opere fatte in Italia (strade, scuole, ecc.) Se prima le opere pubbliche venivano coperte con la fiscalità generale, ora i cittadini rischiano di doverle pagare a parte con una tassa ad hoc aggiuntiva! Un’altra tassa che maschera una imposta patrimoniale sulle infrastrutture! Imposta di scopo Analisi del provvedimento

Federalismo fiscale municipale : 

Federalismo fiscale municipale A decorrere dal 2014 sono introdotte nuove forme di imposizione fiscale: IMPOSTA MUNICIPALE PRIMARIA (IMU) IMPOSTA MUNICIPALE SECONDARIA Sostituisce dal 2014 alcune imposte locali con un gettito stimato,sulla base di dati 2008-2009, complessivamente di 11 miliardi e 570 milioni. Ha per base imponibile il valore dell’immobile e si ipotizza un’aliquota attorno al 7,6 per mille, più alta di quella prevista ora per l’Ici. Chi la paga: I proprietari di immobili, terreni e aree edificabili, artigiani, commercianti, imprese Imposta municipale primaria Analisi del provvedimento

Imposta municipale secondaria : 

Imposta municipale secondaria Può essere istituita, dal 2014 con deliberazione del consiglio comunale, in sostituzione dei seguenti tributi: Tosap o Cosap; Imposta comunale sulla pubblicità Diritti sulle pubbliche affissioni Canone per l’autorizzazione all’installazione di mezzi pubblicitari L’addizionale per l’integrazione dei bilanci degli enti comunali di assistenza Per commercianti, artigiani e imprese sarà inevitabile l’aumento della pressione fiscale ! Analisi del provvedimento

authorStream Live Help