Chiamarlo amore non si può

Views:
 
Category: Education
     
 

Presentation Description

Per Essere Domani, citazioni dal libro Chiamarlo amore non si può, prf.ssa Simona Martini

Comments

Presentation Transcript

Chiamarlo amore non si può:

Chiamarlo amore non si può 23 autrici raccontano ai ragazzi e alle ragazze la violenza contro le donne Casa Editrice Mammeonline

PowerPoint Presentation:

Per Essere Domani Progetto sul disagio giovanile Classe IIIA a. s. 2013 - 14 Arcinazzo Romano Prof . ssa Simona Martini Ho deciso di dedicare il progetto di approfondimento di questo anno scolastico ai problemi/disagi dell’adolescenza, un momento, questo, di trasformazione, di passaggio spesso vissuto in modo difficile dai ragazzi. Il titolo scelto per il progetto è significativo: Per Essere Domani, per poter diventare uomini e donne di domani, del futuro, occorre conoscersi, occorre imparare a fare delle scelte, scegliere chi e come si vuole essere. Per questo motivo ho inserito nel percorso questo argomento che, purtroppo, è tristemente di attualità: la violenza sulle donne. Ritengo che parlare di violenza sulle donne significhi innanzitutto parlare di educazione al genere, conoscere e affrontare gli stereotipi legati al genere, ma soprattutto significa educare alle emozioni, all’affettività, alla sessualità; quale momento migliore per farlo se non durante l’adolescenza? Ecco perché ho proposto ai ragazzi di leggere questo testo Chiamarlo amore non si può , dal quale siamo partiti per poi riflettere sulle nostre scelte Per Essere Domani.

PowerPoint Presentation:

I ragazzi hanno letto tutto il testo, ma con una novità: lo hanno letto insieme a uno dei genitori. Lo scopo era quello del dialogo, del confronto tra due generazioni, tra un figlio/a e un genitore. La presentazione ha lo scopo di richiamare i singoli testi attraverso la scelta studiata di citazioni. La classe ha incontrato una delle autrici del libro, Rosa Tiziana Bruno, il 7 marzo al PAN di Napoli, in occasione della presentazione del libro e di una mostra dedicata al tema.

PowerPoint Presentation:

Mani. Tante mani. E corpi nudi. E sudore. E respiri affannosi. Girano tutt’intorno senza sosta. Sono tra le nuvole in mezzo al fragore di una tempesta. Botte e risate e ancora botte. Sugar , Anna Baccelliere Sua madre, che non aveva fatto altro che sguardi severi, e allacciati la camicia, e siediti composta, e no, non puoi uscire stasera, non puoi andare, non puoi invitare, non puoi avere un telefono. … lui aveva provato a spogliarla e lei non se l’era sentita e allora lui aveva alzato la voce e le aveva dato uno spintone. Perché dici in giro quelle cose su di me? Ferita, Alessandra Berello

PowerPoint Presentation:

Crescere sognando di sposare un principe è ridicolo, con tutte le cose meravigliose che una donna potrebbe realizzare! Credi che io non abbia mai provato rancore? Mai sfiorato la disperazione? C’è un attimo nel quale la stanchezza induce a credere che l’unica via d’uscita dal male sia il male stesso, ricambiare il dolore oppure fingere di non sentirlo. Il mostro ha tante forma: l’assenza di qualcuno o la sua presenza molesta, sentimenti negativi camuffati, ricatti velati, egoismo. Non crediamo a chi dice che i sogni sono robetta e che il drago non esiste e l’orco non morde. Quell’incantesimo che ci fa scambiare l’assassino per un principe, il boia per un benefattore, la vipera per un gioiello. È l’incantesimo peggiore di tutti: l’illusione. L’intervista, Rosa Tiziana Bruno

PowerPoint Presentation:

La sua trasformazione cominciò con un complimento. Eppure si scoprì a desiderarsi diversa, come lui la stava immaginando. Non sarebbe stata più la marionetta di nessuno. A piedi nudi, Fulvia Degl’Innocenti A ventotto anni non si posano gli occhi sulle bambine: si fa amicizia con le donne. Nessuno che veda, nessuno che voglia vedere, nessuno che protegga nessuno: gli indifferenti. Paura …la pedinava da lontano fino all’ingresso della scuola. La ragazzina delle 06:30, Ornella Della Libera

PowerPoint Presentation:

In fondo non è successo niente, dice mia madre. Come se si potesse violare solo un corpo e mai una persona. … me l’ero cercata e che uno così non si molla e che bisogna sempre stare dalla parte dei vincenti. … ha rinunciato a se stessa per essere madre. Perché odi Davide?, Giuliana Facchini Tu sei stata punita doppiamente. Chi era così debole da non accettare che mi fossi allontanata da lui, per punirmi ha colpito chi amavo di più, te. … i gesti del dolore sono uguali, ovunque. E tra le donne c’è un linguaggio che oltrepassa tutti i confini, ricordalo. La affido alla libertà, custodiscila e insegnale a pregare un dio, qualsiasi, ma fai che possa guardare il cielo almeno una volta al giorno. Chéhérazade non abita più qui, Ilaria Guidantoni

PowerPoint Presentation:

Lei vorrebbe rispondergli che danzare è la sua vita, spiegargli quanta soddisfazione e quanta gioia le dà. Ma lui è fuori di sé, non l’ascolterebbe. Così Bianca rimane zitta, gli occhi gonfi di lacrime che le appannano la vista, un nodo in gola, la nausea che sale dallo stomaco e un solo desiderio: scappare. Per la prima volta si rende conto di avere paura di lui. È una cosa molto brutta. Non si può avere paura di chi si ama. C’è sempre una scelta, Laura Novello Mio marito è un brav’uomo non ci fa mancare nulla. È un bravo papà per Giulia. È solo che ogni tanto ha il nervoso … Ogni livido che papà faceva a te rimbalzava sulla mia pelle, ogni tuo silenzio e fare finta che tutto andasse bene gridava dentro di me… … se non volevo lasciarti sola, dovevo fare qualcosa prima che lui mi finisse … Marta libera tutti!, Isabella Paglia

PowerPoint Presentation:

Aveva sette anni quando il padre del suo promesso sposo l’aveva violentata. Poi fu vergogna e dolore. Fu insulti e schiaffi. Lo stesso sguardo, lo stesso sorriso da padrone, gli stessi pensieri marci. Non era lei a essere marcia. Erano loro. La fine di un inganno, Daniele Palumbo Mi sento in colpa. Quel bastardo voleva colpire me. L’avevo lasciato e non lo accettava. Lei ha cercato solo di difendermi e lui … Mirtillo, Elena Peduzzi A proteggermi e darmi coraggio ho solo questo velo sulla testa, contrassegno della mia differenza. Non riusciva a credere che sogno di suonare la batteria in una band. Allora mi ha confessato la sua idea di donna musulmana, sottomessa nel velo. Pensavo fosse giusto, credevo che Filippo mi volesse bene, mi amasse davvero. … perché chi scrive fino in fondo di sé non muore mai. La strada da finire, Cristiana Pezzetta

PowerPoint Presentation:

Mia nonna non faceva che ripeterle che la bellezza era una sfortuna per le donne, perché le trasformava in prede per gli artigli degli uomini, creature rapaci per natura. A mille ce n’è, nel mio cuore di fiabe da narrar. Non avevo sentito i due spari, uno per lei, l’altro contro se stesso. La porta chiusa, Annamaria Piccione Tu sei mia, sei solo MIA! … magari potrei diventare una cuoca famosa, andare in televisione, pubblicare le mie ricette … Cesare si era fatto scuro in volto … Il tuo ragazzo ha bisogno di identificarsi col padre. Fitta come la nebbia, Manuela Piovesan Mamma … Non è colpa tua. Vuoi proteggere me. È colpa mia. Anch’io vorrei proteggerti. Anch’io vorrei salvarti. Ma come? Vorrei chiedere aiuto. Ma dovrei dire che stai qui e prendi tante botte, tante botte, per proteggere me. Sono io che ti tengo qui? Sono io che non so salvarti. Dovrei dirlo che è colpa mia. Ma mi vergogno. Luna Park, Livia Rocchi

PowerPoint Presentation:

Mr Graffietti, the young lady you asked for is upstair , she ’s ten, as you like , and she ’s a virgin ! A little Princess . A little Princess , M. Giuliana Saletta Puzzi più tu di un cassonetto di pattume. Vali meno di una zingara che chiede l’elemosina. Io ti ho preso solo perché mi facevi pena, brutta e grassa come sei, saresti rimasta sola come una cagna bastarda. Donna inutile … Una nuova Alba, Chiara Segrè Mi lasciò a terra, tremante, sporca, di un lerciume che nessun sapone può lavare e con addosso, indelebile, il suo odore, l’odore acre dell’ossessione. Mio padre. Ma lui non era quello che doveva proteggermi? Prove di futuro, Luisa Staffieri

PowerPoint Presentation:

E si lasciò mangiare a bocconi, rimpiangendo di aver confuso l’amore col possesso. Taddeo e la pasticcera, Annalisa Strada Poi si abituò a pensare che tutte le donne erano come quelle nelle riviste. Il padre sosteneva che il cervello delle donne era fantasioso e quello dei maschi logico. Il ragazzo pensò che il padre fosse un vero uomo. Avrebbe dovuto imitarlo per diventare adulto? Quel che provava per Alice però aveva un sapore dolce e non aggressivo. Gli uomini devono conoscere e rispettare i sentimenti delle donne … Il Rispetto degli altri è il punto di partenza unito all’Amore e alla Bellezza del vivere. Un ragazzo, Pina Tromellini

PowerPoint Presentation:

Credi che riuscirai a perdonare tuo padre? A questa domanda non ho risposto. Come potrei? Non so più chi sono, da dove sono venuta e dove andrò. Mi sento come quegli alberi che una tempesta improvvisa ha sradicato dalla terra. Sono stufa di stare a guardare. Non voglio ripetere gli stessi errori perché, il prezzo da pagare è troppo alto. Così comincerò da mio fratello … Lezioni d’amore, Pina Varriale

PowerPoint Presentation:

Ridevamo di un tipo un po’ troppo possessivo, a volte ti ho perfino invidiata. Lui ci teneva a te, mica come gli uomini che ho avuto io, mai un accenno di gelosia, nessuno. Il tuo lui ci teneva, a te, pensavo persino che eri un po’ fortunata. Manca meno di un’ora al tuo funerale, ho gli occhi che sembra mi abbiano pestata a sangue, invece ho solo pianto, io. Tre rose, Laura Walter Lasciami stare! -provò a urlare, ma lui disse: - Stai zitta, non era quello che volevi? – le mise una mano sulla bocca e l’altra sugli occhi e tutto diventò nero. Fuori, Giamila Yehya

PowerPoint Presentation:

Il progetto Le lezioni precedenti sul tema della violenza contro le donne

authorStream Live Help