A cosa serve il dosaggio delle IgE specifiche

Views:
 
Category: Entertainment
     
 

Presentation Description

No description available.

Comments

Presentation Transcript

Slide1: 

Utilità del dosaggio delle IgE sieriche specifiche E in generale dei test diagnostici per le allergie alimentari Stefano Miceli Sopo

Il corretto iter diagnostico per la diagnosi di Allergia Alimentare Bodo Niggeman, Allergy 2004: 

Il corretto iter diagnostico per la diagnosi di Allergia Alimentare Bodo Niggeman, Allergy 2004

Certo, è più facile a dirsi che a farsi: 

Certo, è più facile a dirsi che a farsi E molto, moltissimo spesso le decisioni vengono prese senza che questo corretto iter venga portato a termine Ci si accontenta della positività di un test di laboratorio Per esempio del dosaggio delle IgE specifiche sieriche nei confronti delle proteine del latte vaccino Molti bambini vedono loro proibita la Nutella perché hanno le IgE alte E finchè rimangono un poco “alte” la loro dieta continua Ma chi lo ha mai detto ? E quanto ci si può fidare ?

Insomma, possiamo evitare il Test di Provocazione Orale se le IgE sieriche specifiche sono “alte” ? : 

Insomma, possiamo evitare il Test di Provocazione Orale se le IgE sieriche specifiche sono “alte” ? Premessa Non sono neanche lontanamente uno statistico E nemmeno un epidemiologo Sono solamente un pediatra che tenta di prendere le sue decisioni cliniche nel modo migliore possibile per i suoi piccoli pazienti Quindi ciò che dirò sarà assolutamente e facilmente comprensibile per tutti E come tutti farebbero, diamo un’ occhiata, dapprima, a ciò che ci viene suggerito in merito, da “esperti” riconosciuti Giusto per vedere se la “luce” dell’ EBM brilla anche lì

Bè, quanto a chi lo ha detto non ci possiamo proprio lamentare: 

Bè, quanto a chi lo ha detto non ci possiamo proprio lamentare Hugh Sampson - JACI 2004 Table VI provides diagnostic levels of food specific IgE for a variety of foods. When a patient has a food-specific IgE level exceeding any of these values, they are greater than 95% likely to experience an allergic reaction if they ingest the specific food

E anche l’ EAACI nel 2004: 

E anche l’ EAACI nel 2004 Il Test di Provocazione Orale si può evitare … … In selected cases where positive test results makes challenge unnecessary as is the case in children with positive spt to egg and specific IgE (CAP) above a certain level from 0.35 KUA/L to 17.5 KUA/L, in which the probability of a positive challenge outcome exceeds 95% At present, such a correlation has only been demonstrated in children with AEDS and allergy to selected foods By omitting challenge, determination of the clinical sensitivity (threshold) of the patient is not possible

E questi suggerimenti …: 

E questi suggerimenti … Sono talmente convincenti che un comportamento loro aderente è considerato degno di pubblicazione scientifica What is the optimal occlusion time for the atopy patch test in the diagnosis of food allergies in children with atopic dermatitis? Fabienne Rancè, Pediatr Allergy Immunol 2004: 15: 93–96 “The children were defined to have a food allergy based on 50 positive OFC or on 58 food specific IgE concentrations exceeding the PPV of 95%”

Abbasso il TPO !!!: 

Abbasso il TPO !!! Evitare il TPO è un’ aspirazione condivisa da molti, anche da me Al contempo però voglio essere ragionevolmente sicuro che se dico ad un bambino che deve evitare un alimento questa raccomandazione sia sufficientemente fondata Senza scendere nei dettagli faremo un rapido ripasso di ciò che è disponibile in letteratura circa la “predittività” del dosaggio delle IgE specifiche sieriche nei riguardi della allergia alimentare E ci limiteremo alla predizione dell’ allergia al latte vaccino in bambini che tale diagnosi devono ricevere ancora per la prima volta Prenderemo in esame solo quegli studi che, a loro detta, hanno avuto dei risultati in grado di assicurare un Potere Predittivo Positivo > 95% chè di meno non ce ne facciamo niente Prima però esamineremo brevemente i criteri (almeno quelli primari) che uno studio che si occupi di diagnosi dovrebbe rispettare chè di diagnosi si tratta

COME UTILIZZARE UN ARTICOLO SULLA DIAGNOSI (dalle Users’ Guides to the Medical Literature): 

COME UTILIZZARE UN ARTICOLO SULLA DIAGNOSI (dalle Users’ Guides to the Medical Literature)

I RISULTATI DELLO STUDIO SONO VALIDI ? Criteri primari: 

I RISULTATI DELLO STUDIO SONO VALIDI ? Criteri primari E’ stato effettuato un confronto, indipendente e cieco, con un test standard di paragone ? Significa che devono essere soddisfatti due criteri: I pazienti studiati devono essere stati sottoposti “sia” al test diagnostico in questione “sia” al gold standard di riferimento I risultati di uno dei due esami non devono essere comunicati a coloro che stanno applicando ed interpretando l’ altro Grazie a questa seconda caratteristica i ricercatori evitano le distorsioni, consapevoli o inconsapevoli, che altrimenti potrebbero far sì che lo standard di riferimento venga “sovrainterpretato” quando il test diagnostico in sperimentazione è positivo e “sottointerpretato” quando è negativo Questo criterio primario non è stato messo per caso in cima a tutti, è veramente il più importante e non sempre è osservato rigorosamente

I RISULTATI DELLO STUDIO SONO VALIDI ? Criteri primari: 

I RISULTATI DELLO STUDIO SONO VALIDI ? Criteri primari I test diagnostici presi in esame sono stati applicati ad campione rappresentativo di pazienti ? Il test diagnostico deve essere stato valutato in un gruppo appropriato di pazienti, simili al tipo di popolazione assistita in cui l’ esame può essere utilizzato La popolazione deve essere varia, con diversi livelli di gravità del disturbo (sia in forma lieve che grave, sia in uno stadio precoce che avanzato, sia pazienti trattati che non trattati) Inoltre, particolare di non secondaria importanza, il test deve essere stato somministrato a pazienti “sicuramente” senza la malattia da diagnosticare (o la complicanza) e a pazienti che hanno disturbi che spesso vengono confusi con quello in studio ma che in realtà non hanno la malattia in questione.

QUALI SONO I RISULTATI DELLO STUDIO ?: 

QUALI SONO I RISULTATI DELLO STUDIO ? Vengono forniti i rapporti di probabilità dei risultati dei test oppure i dati necessari per il loro calcolo ? L’ utilità clinica di un test diagnostico è largamente determinata dal grado di validità con il quale esso identifica la malattia oggetto del test Siamo abituati a trovare indicati sensibilità e specificità e, a volte, valore predittivo positivo (VPP) e valore predittivo negativo (VPN). Questi ultimi però soffrono della prevalenza della malattia nel campione studiato: all’ > della prevalenza, il VPP > e il VPN < Meglio il Rapporto di Verosimiglianza (RV), che si può facilmente calcolare partendo da sensibilità e specificità e che indica quanto il risultato di un test diagnostico farà aumentare o diminuire la probabilità pre-test (di quel particolare paziente) di avere una determinata malattia (o complicanza) Bisogna pertanto conoscere la probabilità pre-test, il RV (per un risultato positivo o negativo) e disporre del Nomogramma di Fagan. Si potrà arrivare così alla agognata probabilità post-test proprio per quel particolare paziente

Ugo et al, JACI 1997: 

Ugo et al, JACI 1997 Questo primo studio di Sampson è di tipo retrospettivo soffre pertanto di numerosi bias (mancata standardizzazione delle procedure diagnostiche, recall bias, ecc.) Gli autori hanno studiato, tra l’ altro, 109 soggetti in età pediatrica (età media = 5.2 anni), tutti con dermatite atopica e sospetta allergia al latte vaccino 54 di essi (il 50% dei pazienti) furono dichiarati allergici al latte mediante TPO (nell’ 84% e nella maggior parte in doppio cieco) o storia convincente + IgE specifiche presenti In questa popolazione un livello di IgE sieriche specifiche, misurate con il CAP-System, > 32 kU/L aveva una sensibilità del 51% e una specificità del 98% ma soprattutto un potere predittivo positivo > del 95% nei riguardi di una reazione avversa al TPO con latte

Ma … : 

Ma … … la prevalenza della malattia nella popolazione studiata influenza fortemente il potere predittivo (sia positivo che negativo) di un test All’ > della prevalenza, > il PPP e < il PPN E nella popolazione di Sampson et al la prevalenza dell’ allergia al latte vaccino era molto elevata (il 50% dei sospettati) Che succederebbe se avessimo a che fare con una popolazione con una prevalenza decisamente minore ? Ad esempio quella che afferisce all’ ambulatorio di un pediatra di famiglia ? Potremmo sempre avere fiducia nel Potere Predittivo Positivo dichiarato da Sampson per la sua “selezionata” popolazione ? Di avere fiducia ci suggeriscono lo stesso Sampson nella revisione del 2004 e l’ EAACI di nuovo nel 2004 Per scoprirlo è meglio usare, invece che il potere predittivo, il Rapporto di Verosimiglianza (RV) Che contrariamente al PPP e al PPN non subisce l’ influenza della prevalenza della malattia in questione nella popolazione considerata

Il Rapporto di Verosimiglianza: 

Il Rapporto di Verosimiglianza Si calcola a partire da sensibilità e specificità Senza scendere in dettagli microscopici (che rinviamo ad un corso di EBM) calcoliamoci velocemente il RV per un risultato positivo secondo le migliori prospettive forniteci dallo studio di Sampson del 1997 Che, ripeto, ci dice che un valore > 32 kU/L di IgE sieriche specifiche nei confronti del latte vaccino ha una sensibilità del 51% e una specificità del 98% nei confronti della diagnosi di allergia al latte vaccino in bambini con dermatite atopica Il RV per un risultato positivo si calcola secondo la seguente semplice formula: sensibilità/1-specificità e con i valori di cui sopra è pari a 25.5 [51% diviso (100%-98%) e cioè 51/2] Ricordiamo che Sampson et al ci hanno detto e ribadito che con 32 o più kU/L di IgE sieriche specifiche si ha una probabilità > del 95% di avere una reazione avversa al TPO con latte vaccino e quindi può essere emessa con fiducia una diagnosi di allergia al latte vaccino senza passare dal TPO

E in effetti …: 

E in effetti … Se noi, come faremo tra poco, riportiamo sul Nomogramma di Fagan, la probabilità pre-test di avere una allergia al latte vaccino nella popolazione studiata da Sampson et al nel 1997 (che assumiamo essere uguale alla prevalenza da loro ritrovata e cioè il 50%), e il RV per un risultato positivo (che abbiamo visto essere pari a 25.5) Vedremo che la probabilità post-test (cioè dopo aver fatto il test CAP-System per la ricerca delle IgE sieriche specifiche nei confronti del latte vaccino) per un risultato positivo (intendendo per positivo un valore > 32 kU/L) sale in effetti oltre il 95% Ma se la probabilità pre-test del paziente che abbiamo dinanzi non è così elevata come quella della popolazione studiata da Sampson et al, ed è, per esempio, del 10%, vediamo che la probabilità post-test arriva intorno all’ 80% E sulla base di quest’ ultima probabilità noi dovremmo dire al nostro piccolo paziente di non bere più il latte vaccino Per me, per esempio, “solo” l’ 80% di probabilità di avere una APLV non è sufficiente per togliere ad un bambino il piacere della cassata siciliana

Il Nomogramma di Fagan per Ugo 1997: 

Il Nomogramma di Fagan per Ugo 1997

E comunque …: 

E comunque … Gli stessi autori di questo studio, a causa della sua natura retrospettiva (debole quindi dal punto di vista metodologico e inadatta a supportare un cambiamento gestionale), hanno sentito la necessità di confermarne i risultati con uno studio prospettico “ … although future prospective studies are necessary to confirm this” Che è stato pubblicato, a firma del solo Ugo, su di un numero di JACI del 2001

UGO da solo, JACI 2001: 

UGO da solo, JACI 2001 Dice che l’ ha fatto su una popolazione meno selezionata (dice lui): Infatti non tutti i bambini avevano una dermatite atopica, solo il 61%, metà aveva l’ asma e il 90% una familiarità atopica La stragrande maggioranza (82%) era allergica a 2 o più alimenti Su 100 bambini inclusi, 62 ricevettero una diagnosi di allergia al latte vaccino (il 62% quindi) Stavolta gli autori ci dicono che hanno adottato un correttivo per tenere conto della alta prevalenza della malattia in questione nella popolazione da loro studiata A seguito dell’ uso di questo correttivo ci dicono che stavolta il cut-off per predirre un’ allergia al latte vaccino, con il 95% di probabilità di essere nel giusto, è > 15 kU/L (sensibilità = 57%, specificità = 94%, quindi RV+ = 9.5) Con tutto il correttivo applicato, a me non tornano i conti se applico il RV e considero ancora una volta una probabilità pre-test di avere una APLV pari al 10%

Il Nomogramma di Fagan per Ugo 2001: 

Il Nomogramma di Fagan per Ugo 2001

Ma sentite come stavolta Ugo ha fatto la diagnosi di allergia alimentare - 1: 

Ma sentite come stavolta Ugo ha fatto la diagnosi di allergia alimentare - 1 "For ethical reasons,......, all parents were informed of the previous study, which suggested that high levels of food-specific IgE antibodies correlated with clinical reactivity to a food, and the results of their child's food-specific IgE antibody concentrations Consequentely, many parents of children with suggestive histories of food allergies and high levels of food-specific IgE antibodies refused to have their children undergo DBPCFCs A suggestive history consisted of an immediate allergic reaction that occurred after the ingestion of a food (not necessarily in isolation) on one or more occasions but did not require emergency management by a physician or a convincing reaction that occurred more than 2 years previously”

La diagnosi di Ugo nel 2001 - 2: 

La diagnosi di Ugo nel 2001 - 2 “...., in the present study only 33% of the diagnoses of egg or milk allergy, 2% of the diagnoses for peanut allergy, and none of the diagnoses of fish allergy were based on DBPCFC results ...., the paucity of DBPCFCs clearly impaired our ability to validate the 95% diagnostic decision points for egg, milk, peanut, and fish generated in the previous study” E infine, così Sampson chiude il suo articolo: "The final proof of using food allergen-specific IgE levels for the diagnosis of symptomatic food allergy awaits confirmation by other investigators".

Che altro abbiamo ?: 

Che altro abbiamo ? Il problema è di così grande rilievo clinico Il TPO è una procedura rischiosa, dispendiosa in termini di tempo e di risorse economiche Che è stato affrontato in almeno altri 3 studi E consideriamo solo quelli che si sono occupati di APLV e in bambini che ricevevano la diagnosi per la prima volta ! Ma quando li leggiamo dobbiamo avere dinanzi a noi l’ immagine del bambino che ad una festa vede i suoi amici mettere il dito nella torta alla panna e succhiarselo E a lui viene detto di stare lontano Una simile condizione deve assolutamente essere ben motivata

Roehr et al, JACI 2001: 

Roehr et al, JACI 2001 Carlo et al hanno arruolato 71 bambini (età media 13 mesi, range = 2 mesi – 11 anni), tutti con dermatite atopica (più della metà in forma lieve, SCORAD < 25) e anamnesticamente sospetta allergia al latte vaccino A tutti fu eseguito il dosaggio delle IgE sieriche specifiche mediante CAP-System e a tutti fu eseguito il DBPCFC (non sappiamo se l’ esecutore del TPO fosse o meno a conoscenza del risultato del dosaggio delle IgE specifiche). Il Neocate è stato adoperato come placebo 45 bambini (il 63%) ebbero un TPO positivo (che sarebbe la prevalenza di allergia al latte vaccino in questa popolazione) I bambini venivano osservati in regime di ricovero ospedaliero per 48 ore dopo la fine del TPO

Si vede che sono tedeschi: 

Si vede che sono tedeschi Un livello di IgE specifiche > 0.35 kU/L aveva una sensibilità del 84%, una specificità del 38% e un VPP del 70%: una schifezza per il nostro scopo (evitare il TPO) Se saliamo un poco, a 3.5 kU/L il VPP (Carlo ci dà solo questo parametro per il cut-off in questione) sale già a 83% (per me ancora insufficiente) Un livello di IgE specifiche > 50 kU/L aveva sì una sensibilità vergognosamente bassa (del 6.6%), ma la specificità raggiungeva il 100% e quindi il VPP diventava pari al 100%: UAO!! Insomma, non ci piglio quasi mai, ma quando ci piglio ….. Questo studio è metodologicamente buono Si può al massimo non essere sicuri che il TPO sia stato praticato senza che l’ operatore conoscesse il risultato del dosaggio delle IgE E i bambini sono comunque tutti affetti da dermatite atopica Ma, insomma, per me Carlo vs Ugo  1 a 0

Il Nomogramma di Fagan: 

Il Nomogramma di Fagan Carlo RV + = Infinito

Garcia-Ara et al, JACI 2001: 

Garcia-Ara et al, JACI 2001 La conclusione di Carmen e delle sue amiche è “tranchant” If these values are 2.5 Ku/L or greater, the challenge test should not be performed because of its high positive predictive value (90%) Vediamo un po’ come hanno fatto ad acquisire una tale sicurezza Un po’ ridimensionata in un analogo studio del 2004 Le madrilene arruolano prospetticamente 170 bambini nell’ arco di 4 anni Sono tutti di età inferiore all’ anno (mediana 4.8 mesi) Con sospetto di reazione di tipo immediato a seguito di ingestione di latte vaccino A cui sono stati praticati prick test, dosaggio delle IgE sieriche specifiche nei confronti delle proteine del latte vaccino con CAP-System, TPO in aperto (non è il gold standard nei lavori scientifici)

Los Resultados: 

Los Resultados Il 44% fu dichiarato affetto da APLV IgE-mediata Che è la prevalenza della malattia studiata nella popolazione in questione I risultati sono esposti nella tabella sottostante Considerando solamente il migliore (quello ottenibile con cut-off a > 5 kU/L) si ottiene un RV + pari a 30 Vediamo cosa otteniamo come probabilità post-test in una popolazione con una probabilità pre-test più usuale (per esempio del 10%)

Il Nomogramma di Fagan per Carmen: 

Il Nomogramma di Fagan per Carmen

Saarinen, Clin Exp Allergy 2001: 

Saarinen, Clin Exp Allergy 2001 Cristina e i suoi amici arruolano 239 bambini finlandesi con età media di circa 7 mesi e storia suggestiva di APLV (con reazioni classificabili sia di tipo immediato che non immediato), che avevano mostrato una remissione dei sintomi alla eliminazione delle proteine del latte vaccino dalla loro dieta Quindi già un primo passo diagnostico in avanti era già stato fatto La popolazione di partenza, con la sola storia suggestiva, ammontava a circa tre volte tanto La loro è quindi di una popolazione già con maggiori probabilità di avere una APLV E infatti ben 118 di essi (il 48%) ebbe una reazione clinica al Test di Provocazione Orale Che fu effettuato, tuttavia, in aperto (non è il gold standard per i lavori scientifici) Già questo risultato ci dice, comunque, che oltre il 50% dei bambini che mostrano una remissione dei sintomi a seguito della dieta di eliminazione non ha in effetti una allergia

I risultati di Cristina nel 2001: 

I risultati di Cristina nel 2001 Per ciò che ci interessa in questo momento E cioè un valore di IgE specifiche contro le proteine del latte vaccino che ci consenta di diagnosticare con ragionevole certezza una APLV (un PPP quindi > 95%, almeno per me) I finlandesi ci offrono un cut-off di 3.5 kU/ml, misurato naturalmente con Pharmacia CAP system Che ha un PPV del 94%, una sensibilità del 25%, una specificità del 98% E un RV + pari a sensibilità/(100-specificità)  25/(100-98)  25/2  12.5 Questo in una popolazione con una probabilità pre-test di avere una APLV pari al 48% Se invece volessimo trasferire i loro risultati alla nostra popolazione ambulatoriale Che magari non ha ancora avuto la scomparsa dei sintomi dopo una dieta di eliminazione E assumendo per loro una probabilità pre-test del 10%

Il Nomogramma di Fagan per Cristina: 

Il Nomogramma di Fagan per Cristina

Quale cut-off ?: 

Quale cut-off ? Sampson 1997, 32 kU/L Sampson 2001, 15 kU/L Roehr 2001, 50 kU/L Garcia-Ara 2001, 5 kU/L Saarinen 2001, 3.5 kU/L

Il CAP-System e l’ APLV : 

Il CAP-System e l’ APLV PROBLEMI METODOLOGICI NEGLI STUDI DISPONIBILI Sampson 1997, retrospettivo Sampson 2001, gold standard non applicato nel 67% dei casi Roehr 2001, forse applicazione del gold standard non in cieco Garcia-Ara 2001, TPO in aperto, confronto tra il test in sperimentazione ed il “gold standard” non in cieco Saarinen 2001, TPO in aperto, confronto tra il test in sperimentazione ed il “gold standard” non in cieco

Insomma …: 

Insomma … Problemi metodologici rilevanti per gli studi disponibili Nessuno di essi ha rispettato i due criteri primari richiesti dalle Users’ Guide to the Medical Literature Il migliore è quello di Carlo Roher et al (2001), che comunque un piccolo difettuzzo lo ha In ogni caso, i risultati sono validi solo con la metodica CAP-System che non tutti i laboratori italiani adottano, anzi una minoranza, e in particolare al Sud la Pharmacia ha una scarsa penetrazione E se pure tutto questo non volesse essere considerato (ma perché mai ?), teniamo conto che i cut-off proposti sono quasi sempre decisamente alti (e quindi pochissimi bambini ne fruirebbero) Vi è una importante variabilità tra i cut-off proposti La popolazione a cui si riferiscono è prevalentemente quella di bambini con dermatite atopica (in 3 studi su 5)

E ammesso e non concesso …: 

E ammesso e non concesso … Di non voler considerare i problemi metodologici Bisogna comunque trasferire i risultati di questi studi, nelle cui popolazioni la prevalenza di allergia al latte vaccino era elevata (40 - 60%), a popolazioni con prevalenza decisamente inferiore Ed è possibile farlo, abbiamo visto, con l’ utilizzo del Rapporto di Verosimiglianza e cercando, o almeno immaginando, la probabilità pre-test di avere una APLV che ha proprio quel ragazzino che stiamo valutando In tal modo già attuiamo una “individualizzazione” della decisione clinica, e lo facciamo proprio grazie all’ uso dell’ EBM che ha il merito di aver diffuso il RV

E ancora di più “individualizziamo”: 

E ancora di più “individualizziamo” La decisione clinica quando dobbiamo fare appello alla nostra esperienza personale e alle necessità di quel singolo paziente Per stabilire se la probabilità post-test di avere una APLV scaturita dall’ uso del RV ci è sufficiente per eliminare il latte vaccino (e la Nutella) dalla sua dieta Oppure se riteniamo indispensabile procedere al TPO Che è procedura “time-consuming”, dispendiosa e soprattutto rischiosa (ma fino ad un certo punto, vedi Tamara Perry, JACI 2004) Ma anche la dieta di eliminazione ha tutti questi effetti avversi, è dimostrato E insieme al latte essa elimina, in ogni caso, alcuni piaceri della vita (la cassata per esempio)

Per fortuna che c’è l’ ApPAL www.apalweb.it: 

Per fortuna che c’è l’ ApPAL www.apalweb.it Che è l’ Associazione pediatri Pneumologi Allergologi Laziali Con iscritti di tutta Italia Ma che è soprattutto il mio gruppo di “MBM” (Motivation Based Medicine) con cui mi confronto quotidianamente E questi amici, che gestiscono i più noti centri di allergologia pediatrica in Italia E che pure, quindi, dovrebbero soffrire di un bias di selezione Mi hanno detto che La prevalenza di diagnosi confermate di APLV in bambini in cui tale sospetto era stato da loro emesso oscilla intorno al 30% Non hanno mai osservato o sentito dire di un caso di reazione fatale a seguito di TPO eseguito in ambiente adeguato

“Ma non ti sembra …: 

“Ma non ti sembra … …. Di esagerare un po’, di essere troppo pignolo ?” mi si potrebbe obiettare “Hai demonizzato tutti gli studi disponibili sulla predittività dell’ APLV tramite dosaggio delle IgE sieriche specifiche Tacciandoli di scarsa validità metodologica perché non hanno rispettato i criteri primari delle Users’ Guides E di scarsa rilevanza dei risultati, per via della troppo ampia variabilità dei cut-off diagnostici proposti, nessuno dei quali ha ricevuto una conferma” “Ma forse è difficile effettuare uno studio rigoroso, che rispetti i criteri primari di cui sopra E più volte tu stesso ci hai detto che la decisione clinica va presa, tra l’ altro, secondo le migliori evidenze scientifiche disponibili, e se questo abbiamo ….”

Eppure esiste !: 

Eppure esiste ! Lo studio che, volendo valutare la predittività diagnostica del dosaggio delle IgE sieriche specifiche nei confronti di un alimento Abbia rispettato i criteri primari delle Users’ Guides Ed è quello della francese Rancè e dei suoi amici (JACI 2002) che hanno stabilito, prospetticamente, in cieco e adottando come confronto il DBPCFC, che un livello di IgE > 57 kU/ml (sempre CAP system) ha una specificità del 100% (e quindi un RV + “infinito”) nei confronti della diagnosi di allergia alle arachidi Quindi lo studio valido si può fare Che lo si facesse anche nei confronti dell’ APLV una buona volta L’ eliminazione delle proteine del latte vaccino dalla dieta di un bambino deve essere, a mio parere, assolutamente ben fondata

Stefano Roberts - 1 ADC 23 Maggio 2005: 

Stefano Roberts - 1 ADC 23 Maggio 2005 Non ci si aspetta che fare diagnosi di allergia alimentare possa comportare difficoltà se ci vengono raccontati sintomi ben definiti che accadono pochi minuti dopo l’ ingestione di un cibo Ma il fatto che una vera diagnosi di allergia alimentare sia confermata in meno del 50% dei casi in cui era stato emesso un sospetto sulla base della storia fa comprendere come la situazione sia più complessa e che un test diagnostico è necessario per confermare o rifiutare una diagnosi di allergia alimentare

Stefano Roberts - 2 ADC 23 Maggio 2005: 

Stefano Roberts - 2 ADC 23 Maggio 2005 “Il problema è che né il diametro del risultato del prick test, né il livello della concentrazione di IgE possono rispondere alle domande che spesso pongono i genitori: Se mio figlio ha una allergia alimentare, che cosa gli accadrà se lui mangia l’ alimento responsabile ? E quale quantità è necessaria per produrre una reazione ? A queste domande non può essere data una risposta senza far ricorso al Test di Provocazione Orale E quindi (aggiungo io) ….

W il TPO !: 

W il TPO ! Con l’ eccezione forse dei bambini con dermatite atopica e livello di IgE sieriche specifiche nei confronti del latte vaccino (e misurate con il CAP-System) > 50 kU/L (e gradirei una conferma da gruppi diversi) …. …. E sicuramente dei casi di anafilassi entro i 6 mesi precedenti + IgE specifiche positive …. ….. io per il momento preferisco emettere una diagnosi di allergia al latte vaccino e consigliare una dieta priva di questo alimento solo dopo un TPO Soprattutto ai figli degli armaioli italo-americani Non si sa mai, andassero a Palemmo e conoscessero la cassata siciliana !!! A proposito …. Tanti saluti da Joe Buscemi

authorStream Live Help